Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Women for Expo, donne al centro con Bonino, Dassù, Dandini, Costa e Shiva

(Foto OnuItalia.com) (Foto OnuItalia.com)

(di Francesca Morandi) MILANO EXPO – L’uguaglianza con gli uomini e l’empowerment delle donne quali elementi essenziali contro la malnutrizione sono oggi al centro dell’agenda del “Women’s Forum Italy 2015” (il Forum delle donne Italia 2015), che ha aperto ieri l’iniziativa “L’altra metà della Terra – Settimane delle donne”, organizzata da “We-Women for Expo”, di cui è presidente onoraria Emma Bonino. “Noi donne vogliamo spazio di espressione, di condivisione del potere, e non essere una categoria”, ha detto Bonino, nella giornata di apertura alla quale hanno partecipato il presidente esecutivo Marta Dassù, l’attivista e ambientalista indiana Vandana Shiva, Jaqueline Franjou, CEO Women Forum for the Economy and Society, il commissario unico delegato del governo per Expo Milano 2015 Giuseppe Sala, il ministro per le Politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina e Diana Bracco, presidente di Expo e commissario del padiglione Italia.

(Foto OnuItalia.com)

(Foto OnuItalia.com)

Con un’Expo “vestita al femminile” con il logo di “We-Women for Expo” lungo tutto il Decumano (l’arteria principale dell’esposizione universale), sono iniziate ieri “due settimane, che sono l’esito di un lavoro partito anni fa per dare visibilità a quello che le donne già fanno”, ha spiegato Bonino, ex ministro degli Esteri, davanti alla platea dell’Auditorium, avviando giornate dense di eventi, seminari e spettacoli, aperti al pubblico, organizzate da “We-Women for Expo”. “Le donne rappresentano il 43% della forza lavoro agricola nel mondo, il loro ruolo è fondamentale – ha detto Marta Dassù, ex sottosegretario agli Esteri e direttrice della rivista Aspenia -. Se le donne non avranno maggiore accesso ai diritti di proprietà della terra, all’educazione e al credito, non ci sarà alcuna possibilità di migliorare la situazione della nutrizione nel Pianeta”.  Temi in discussione oggi con un incontro, presso il padiglione Coop-Future Food District, il cui titolo “L’uguaglianza e l’empowerment delle donne–Primo passo verso la Fame Zero” si ricollega anche alla presenza delle Nazioni Unite a Expo. All’esposizione universale l’Onu ha voluto rilanciare  la “Sfida Fame Zero” (Zero Hunger Challenge), il progetto avviato nel 2012 dal Segretario generale dell’Onu Ban Ki-Moon per contrastare la fame nel mondo.

(Foto OnuItalia.com)

(Foto OnuItalia.com)

Numerosi gli ospiti internazionali che partecipano alla “due giorni” di workshop del Women’s Forum Italy e alle “Settimane delle donne”, insieme a docenti universitari, esponenti della società civile, delle istituzioni, del settore privato, dell’industria. Tra questi anche Guido Barilla, presidente della Fondazione BCFN (Barilla Center for Food & Nutrition), il direttore esecutivo del World Food Programme (WFP) Erthain Cousin, l’ex direttrice dell’UNICEF Ann M. Veneman, …  Fra gli appuntamenti in programma per questa sera c’è la presentazione del progetto teatrale di Serena Dandini sul femminicidio “Ferite a morte”, con la partecipazione di Arisa, Lella Costa, Isabella Ferrari, Chiara Francini, Ornella Vanoni. Sempre per oggi è attesa a Expo Banana Yoshimoto, scrittrice giapponese che legge nella sua lingua il racconto che ha scritto per “Novel of the world” di Women for Expo. Il 1 luglio Lella Costa è protagonista invece del “Pranzo di Babette”. Il 4 luglio è la volta della maratona di lettura di alcuni racconti che andranno a comporre il “Romanzo del mondo”, letti dalle autrici, da Simonetta Agnello Hornby a Dacia Maraini a Clara Sanchez. Per il 8-10 luglio è previsto un evento organizzato dall’Aspen Forum, in collaborazione con FAO e OMS, sul tema dell’alimentazione in collegamento alla neurologia, al quale parteciperà anche il biografo di Steve Jobs, Walter Isaacson. Il 10 luglio gran finale con “Empowering Women – the road from Beijing to New York”, discussione dedicata all’agenda Pechino +20 che celebra il ventesimo anniversario della quarta conferenza mondiale sulle donne. In serata un incontro conviviale ospita 400 donne da oltre 40 Paesi del mondo, che sfilano sul Decumano per arrivare a piazza Italia, dove viene allestita una “Tavola del mondo” speciale. (FM, 30 giugno 2015)

 

 

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts