Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Acqua e igiene, per Unicef e Oms due miliardi e mezzo di persone a rischio

GINEVRA – Sono quasi due miliardi e mezzo le persone nel mondo a rischio a causa della mancanza di progressi nel campo dell’igiene: lo affermano l’Unicef e l’Oms secondo i quali i risultati ottenuti dal migliore accesso all’acqua che ha permesso di ottenere salute e sopravvivenza soprattutto per i bambini molto piccoli,  possono essere seriamente compromessi.

Il rapporto delle due organizzazioni dell’Onu per l’Infanzia e la Salute esamina l’accesso all’acqua potabile nel mondo e il grado di salubrità e igiene comparati con gli obiettivi dell’Agenda del Millennio per lo sviluppo. Secndo i dati raccolti, nel mondo un individuo su tre, cioè circa 2,4 miliardi di persone, vive ancora senza servizi sanitari.

”Ciò che tali dati indicano davvero – afferma il rapporto – è la necessità di concentrarsi sulla riduzione delle ineguaglianze, solo modo di giungere a durevoli progressi….Finora quello che è chiaro è che i ricchi avanzano e i poveri lo fanno solo una volta raggiunti gli standard fissati”.

Progressi se ne sono fatti: dal 1990 circa 2,6 miliardi di persone hanno ottenuto l’accesso all’acqua, quindi attualmente il 91% della popolazione mondiale dispone di acqua potabile e tale numero continua a crescere. Anche nel capo della sopravvivenza dei bambini sono stati fatti passi avanti: se 15 anni fa 2000 bambini morivano ogni giorno a causa di disturbi legati all’acqua non potabile o a igiene scarsa, ora il numero si è dimezzato.

Ma ancora c’è tantissimo da fare e le organizzazioni invitano a dare seguito alle indicazioni fissate per realizzare gli obiettivi dell’Agenda che comprendono l’accesso alle popolazioni più remote, l’eliminazione della defecazione all’aperto, l’accesso alle tecnologie appropriate, ai luoghi della collettività come le scuole, gli ospedali, i villaggi, le chiese, l’ulteriore miglioramento dell’alimentazione.

(MNT 1 luglio 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts