Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Libano: per i giovani siriani un corso di fotografia per guardare al futuro

ROMA – Dopo anni di conflitti interni ed esterni ed una situazione sempre molto complessa, il Libano oggi vive il difficile conflitto in terra siriana. La guerra in Siria, ricorda l’ong INTERSOS,  ha portato nella terra dei cedri più di 1.172.000 rifugiati siriani e più di 4 milioni sono i rifugiati siriani nel mondo, con oltre 7 milioni di sfollati interni rimasti nel paese. INTERSOS, già presente in Libano dal 2006, sin dai primi giorni dallo scoppio della crisi siriana, nel 2012, ha concentrato le sue forze per garantire assistenza abitativa, igienico-sanitaria, idrica e socio-educativa alla popolazione in fuga dalla guerra.

Nell’ambito delle attività educative e ricreative promosse da INTERSOS per la tutela e la salvaguardia dei bambini, siriani (il 52% dei rifugiati siriani ha meno di 17 anni) ma anche libanesi, rientra il corso di fotografia per i ragazzi della zona di Beirut, che si è da poco concluso e realizzato grazie al sostegno ed al finanziamento di Unhcr Libano. “Il nostro staff lavora tutti i giorni a contatto con la popolazione siriana rifugiata, prestando loro supporto psicologico e assistenza professionale, promuovendo inoltre attività di intrattenimento ed apprendimento per i più giovani”, spiega la ONG sul suo sito online. Il corso di fotografia è stata l’opportunità per questi ragazzi di ottener alcuni strumenti utili ad affrontare meglio le circostanze in cui si trovano o troveranno in futuro. L’obiettivo di questi training è proprio quello di fornire ai beneficiari delle capacità che possano presto agevolare il loro reinserimento nella società.

Le partecipanti di quest’ultimo corso hanno registrato un video report in cui spiegano cosa hanno imparato sulla fotografia e cosa pensano di questo tipo di esperienze. Per loro, come per tutti di INTERSOS, queste attività sono molto importanti e le consideriamo un elemento essenziale per dare la possibilità a chi ha perso tutto a causa della guerra di ripartire. Un aiuto importante nella piena emergenza.

(MNT 15 luglio 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts