Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

EXPO, Ghana dal tradizionale cacao alla green economy

(foto Expo 2015 - Daniele Mascolo)

MILANO EXPO – La Repubblica del Ghana ha celebrato oggi il National Day a Expo Milano 2015. La delegazione del Paese, guidata dal presidente del Ghana John Dramani Mahama, è stata accolta dal Commissario Generale di Expo 2015 Bruno Antonio Pasquino e dal Sottosegretario di Stato al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Francesca Barracciu. “L’Italia – ha dichiarato il Sottosegretario Barracciu – intende rafforzare il rapporto di cooperazione e amicizia iniziato già negli anni Sessanta, che si basa sul perseguimento della pace e sul potenziamento dei diritti umani. Il Ghana è infatti un paese noto alla comunità politica internazionale per essere promotore di una nuova stagione di democrazia in Africa”.

(foto Expo - Daniele Mascolo)

(foto Expo – Daniele Mascolo)

“Sono orgoglioso e onorato di essere qui – ha affermato il presidente del Ghana Dramani Mahama –. Ringrazio gli organizzatori per aver ospitato questo evento che ci permette di dimostrare i potenziali della nostra economia, e nella mia lingua dico Aiko,‘bel lavoro’. Expo non poteva avere un tema e una realizzazione migliori”.

Dopo la cerimonia dell’alzabandiera sul palco dell’Expo Centre si sono esibiti le ballerine e i musicisti del Gruppo Ghana Dance Ensemble. Accompagnati dalle tradizionali percussioni, hanno offerto un saggio dei ritmi e delle danze tradizionali. La delegazione ghanese ha poi visitato il padiglione Italia e il proprio spazio all’interno del Cluster Cacao e Cioccolato. Il padiglione ghanese è una mostra sui vantaggi per la salute e per l’umore arrecati dal cioccolato, caratteristiche note all’uomo da milioni di anni. Le celebrazioni sono proseguite con cooking show a base di cacao e degustazioni di cioccolata e bevande tipiche del paese africano. Nell’ambito della Giornata Nazionale della Repubblica del Ghana, al Conference Centre, si è svolto un Business forum.

Lo scorso ottobre si è tenuto a Roma, presso il Ministero degli Esteri, il “Ghana Trade & Investment Forum”, iniziativa organizzata da Unido Itpo Italy e Maeci, in collaborazione con World Trade Centre Accra, Confindustria e Ice Agenzia. Ai lavori del Forum hanno partecipato il segretario generale del ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, Michele Valensise, il ministro dell’Ambiente e dell’Innovazione Scientifica e Tecnologica della Repubblica del Ghana, Akwasi Oppong Fosu, la Direttrice dell’Unido Itpo Italy, Diana Battaggia, l’ambasciatore del Ghana in Italia, Evelyn Anita Stokes-Hayford e l’ambasciatore italiano in Ghana, Laura Carpini. L’evento si è focalizzato sulle opportunità di investimento in Ghana nei settori della cosiddetta Green Economy, delle infrastrutture e agroindustriale.

(Foto Expo 2015 - Daniele Mascolo)

(Foto Expo 2015 – Daniele Mascolo)

Da tempo la Cooperazione italiana sostiene lo sforzo di ristrutturazione economica del Ghana, in linea con il forte impegno degli Organismi finanziari internazionali ed in considerazione dell’importanza del Paese nel contesto africano. Nel periodo 1984-2004 il Ghana ha beneficiato di doni italiani per un totale di 19,8 milioni di euro e di crediti d’aiuto per 17,5 milioni di euro. Un forte impatto positivo sulle relazioni bilaterali si è riscontrato a seguito del processo di cancellazione debitoria nell’ambito dell’iniziativa HIPC, culminato nel giugno 2005 con l’Accordo bilaterale di cancellazione definitiva del debito ( per un ammontare complessivo di 33.83 milioni di euro. La principale iniziativa della Cooperazione italiana nel Paese, cominciata nel 2004 (e successivamente rifinanziata nel 2008), è il programma di sostegno al settore privato, denominato Ghana Private Sector Development Facility (GPSDF). Il GPSDF consiste in un contributo misto di crediti di aiuto e a dono per un ammontare complessivo di 33 milioni di euro, che alimenta una linea di credito a favore delle piccole e medie imprese del Ghana. Il programma ha riscosso un incondizionato apprezzamento sia da parte delle imprese che del governo ghanese. (FM, 17 luglio 2015)

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts