Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Sudan: da Italia al WFP aiuti di emergenza per profughi Sud Sudan

Distribuzione di cibo del WFP in Sudan

KHARTOUM – L’Italia si e’ unita all’impegno del Programma Alimentare Mondiale -WFP- in favore delle popolazioni vulnerabili del Sudan con un programma di assistenza alimentare. L’importo del contributo italiano di emergenza e’ di 500 mila Euro e vuol far fronte all’impatto di profughi che dal Sud Sudan si sono rifugiati nelle regioni vicine.

Il conflitto scoppiato in Sud Sudan nel 2013 tra le forze governative ed i ribelli ha costretto quasi 500.000 sud sudanesi a fuggire oltre-confine. Piu’ di 100.000 rifugiati hanno trovato riparo in Sud Kordofan, West Kordofan, White Nile, Blue Nile, East Darfur e Khartoum.

Attualmente, nello stato del Sud Kordofan sono circa 13.000 i sud sudanesi in fuga dal proprio Paese. Il progetto finanziato dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, che sara’ realizzato dal Programma Alimentare Mondiale, mira a contribuire all’emergenza umanitaria creatasi nella regione in seguito al recente inasprimento del conflitto nell’area di confine con il Sudan, con il conseguente aumento del numero dei rifugiati. Il paniere alimentare includerà sorgo – un alimento di base sulle mense del Sudan – legumi, olio e sale.

“Negli ultimi anni il governo italiano ha collaborato intensamente con il WFP nel tentativo di ridurre la fame nel Paese africano. L’Italia e’ sempre in prima linea nel sostenere le fasce piu’ deboli della popolazione in Sudan come in tante altre parti del mondo. Il WFP si e’ sempre mostrato un partner affidabile e di spessore” ha dichiarato l’Ambasciatore d’Italia a Khartoum Fabrizio Lobasso.

Adnan Khan, rappresentante in Sudan del WFP, dal canto suo ha espresso apprezzamento per il lavoro del nostro Paese: “L’Italia e’ stata eccezionale nel sostenere il nostro impegno nel Sudan orientale e centrale. Con il contributo di oggi potremo destinare il nostro lavoro e impegno ai sud sudanesi”.

L’Italia – ricorda un comunicato del WFP e’ stato uno dei partner piu; affidabili dell’agenzia dell’Onu nella lotta alla fame in Sudan. Recentemente il governo italiano ha fornito fondi per le mese scolastiche e per programmi di addestramento negli Stati di Kassala e Mar Rosso nell’est del Paese. Grazie all’Italia il WFP ha continuato a promuovere la frequenza scolastica di bambine e ragazze e l’alfabetizzazione di donne adulte a cui norme sociali e culturali avevano impedito l’accesso alla scuola. (AB, 23 luglio 2015)

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts