Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Siria: Padre Dall’Oglio, due anni fa il sequestro di “un uomo di dialogo”

ROMA – Due anni fa Padre Paolo Dall’Oglio veniva sequestrato a Raqqa, nella Siria del nord. Oggi la città di Roma ha manifestato la sua solidarietà esponendo una sua gigantografia sul Palazzo Nuovo, di fronte all’entrata di Sisto IV del Campidoglio. Sotto l’immagine, la scritta “Paolo Dall’Oglio cittadino romano”.

Proprio oggi il gesuita avrebbe compiuto oggi 61 anni.  L’iniziativa, fatta propria da Roma Capitale, è stata proposta dalla neonata associazione “Giornalisti amici di padre Dall’Oglio”.

Il Presidente della Repubblica con i familiari di Padre Dall'Oglio

Il Presidente della Repubblica con i familiari di Padre Dall’Oglio

“Padre Dall’Oglio e’ un uomo di dialogo”, ha detto il capo dello stato Sergio Mattarella incontrando i fratelli del religioso. Dall’Oglio è noto per aver fondato, in Siria, negli anni ottanta, la comunità monastica al Khalil, dopo aver recuperato il Monastero di san Mosè l’Abissino (Mar Musa). Dall’Oglio è stato sempre profondamente impegnato nel dialogo interreligioso e il suo attivismo nei mesi della rivolta gli aveva causato l’ostracismo del governo siriano, che ne minacciò l’espulsione durante la repressione dei moti di protesta del marzo 2011. Espulso per il suo impegno umanitario nel 2012, si trasferì a Sulaymanya, nel Kurdistan iracheno, animando la nuova fondazione monastica di Deir Maryam el Adhra. Era rientrato due volte in Siria, per motivi umanitari, l’ultima alla fine del luglio 2013, a Raqqa dove fu sequestrato.

E di padre Dall’Oglio ha parlato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in apertura della audizione davanti alle Commissioni Esteri e Difesa di camera e Senato: “Ci riuniamo a due anni dal rapimento di Padre Dall’Oglio a Raqqa, in Siria: il governo non ha dimenticato questo rapimento e ci continuiamo a lavorare con assoluta costanza come ho confermato ai fratelli di Dall’Oglio una decina di giorni fa”.

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts