Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Della Vedova: L’Italia è al fianco delle Sids, le piccole isole-stato

Benedetto Della Vedova (Foto Luca Marfé)

NEW YORK- “L’Italia ritiene che le aspirazioni e le esigenze specifiche delle Sids (Small island developing states) debbano trovare una risposta”, ha detto il senatore Benedetto Della Vedova, intervenendo giovedì 30 luglio a un “dibattito aperto” del Consiglio di sicurezza sulle sfide che hanno di fronte le piccole isole-stato in via di sviluppo. In particolare, il sottosegretario agli esteri ha osservato che per dare una voce ai Sids nel consiglio di sicurezza è importante una riforma di quest’ultimo che assicuri una migliore rappresentanza ad alcune categorie di nazioni attraverso un approccio trasversale che integri la tradizione suddivisione delle Nazioni Unite per aree regionali. Una di queste categorie dovrebbe proprio essere quella dei piccoli stati, che comprenderebbe le Sids.

samoaTenutosi al Palazzo di vetro su iniziativa della Nuova Zelanda, che a luglio ha avuto la presidenza di turno del consiglio di sicurezza, il “dibattito aperto” ha visto un’ampia partecipazione, con 32 delegazioni ministeriali e 72 interventi, soprattutto incentrati sul cambiamento climatico, sulle energie rinnovabili, sull’innalzamento degli oceani, sulla pesca sostenibile e sulla lotta ad attività illecite nei mari. “L’Italia”, ha ricordato Della Vedova, “che è una penisola circondata dai mari, è convinta che queste sfide abbiano al tempo stesso aspetti specifici e globali, con conseguenze che riguardano la sicurezza collettiva”. In tutto ci sono 52 nazioni che fanno parte delle Sids, soprattutto nei Caraibi e nel Pacifico, ma anche nell’Oceano Indiano.

La politica estera italiana ha da tempo dimostrato una attenzione particolare per le realtà di queste piccole isole-stato: nel dibattito di giovedì al Consiglio di sicurezza è stato ricordato il ruolo di Paolo Fulci, ex-ambasciatore all’Onu e ora presidente della Ferrero, che negli anni Novanta aveva costruito alleanze politiche con i Sids e avviato uno scambio culturale tra le isole del Pacifico e le isole del Tirreno. La Farnesina spera ovviamente che questa sensibilità e questo interesse vengano ricompensati con un sostegno alla candidatura italiane per il consiglio di sicurezza. E da questo punto di vista il sottosegretario Della Vedova ha approfittato della missione newyorkese per coltivare i rapporti già avviati con il suo viaggio dell’anno scorso a Palau.

Benedetto Della Vedova (secondo da sinistra)

Benedetto Della Vedova (terzo da sinistra)

L’Italia ha anche invitato i Sids a venire Milano il 14-15 ottobre per la fase conclusiva dell’Expo.

A margine del suo intervento al Palazzo di vetro, Della Vedova, che ha guidato la recente iniziativa di 220 deputati per una legge per legalizzare la cannabis in Italia, ha sottolineato che “la proposta si muove all’interno delle convenzioni internazionali”, quindi anche dell’Onu, e non cancella i reati di spaccio o il divieto di esportazione o importazione.  Parlando a titolo personale, il senatore ha auspicato la riapertura di una discussione politica sulla cannabis e comunque ha osservato che, “di fronte a un disegno di legge presentato da un terzo dei deputi, la calendarizzazione del dibattito parlamentare sarà difficilmente eludibile”.

(AZ, 7-30-2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts