Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Pena di morte: allarme Amnesty, un fine luglio di sangue in molti paesi

ROMA – A pochi giorni dalla pubblicazione del  rapporto sulla pena di morte nel mondo da part di nessuno tocchi Caino, Amnesty International lancia il suo allarme: la seconda metà di luglio è stata piena di eventi negativi in tema di pena di morte. Terminato il Ramadan, sono riprese le esecuzioni in Pakistan e Arabia Saudita (il totale dall’inizio dell’anno è salito, rispettivamente, a 180 e 105).  Contrariamente al solito, il mese sacro non ha minimamente fermato il boia in Iran. A metà luglio le esecuzioni a partire dal primo gennaio di quest’anno erano state quasi 700, numero ampiamente superato nella seconda parte del mese.  In Iraq, dopo la ratifica da parte del presidente, si temono decine di esecuzioni. 1201-1[1]

Il 30 luglio in India  è stato impiccato Yakub Abdul Razak Memon, ritenuto il finanziatore degli attentati di Mumbai del 1993 in cui morirono 257 persone. Memon, ricorda Amnesty, era stato condannato a morte nel 2007 sulla base di una legge antiterrorismo che contiene diverse disposizioni contrarie al diritto internazionale. Le organizzazioni per i diritti umani hanno sollevato perplessità sullo svolgimento del processo. Infine, il 27 luglio nove imputati (tra i quali Saif al-Islam Gheddafi, figlio dell’ex leader libico, e Abdallah al-Senussi, ex capo dell’intelligence) sono stati condannati a morte per crimini di guerra e altri reati commessi durante la rivolta del 2011 in Libia.

Amnesty International aveva per lungo tempo chiesto che Saif al-Islam Gheddafi venisse consegnato al Tribunale penale internazionale (che aveva emesso un mandato di cattura nei suoi confronti), dove ci sarebbero state le condizioni necessarie a un processo equo, condizioni che il sistema giudiziario libico non era né è attualmente in grado di offrire.  Le autorità libiche, dopo aver rifiutato di consegnarlo al Tribunale penale internazionale, hanno processato e condannato l’imputato praticamente in contumacia, detenuto in isolamento da una milizia di Zintan senza possiilità di accesso a un avvocato. Saif al-Islam Gheddafi ha preso inizialmente parte al processo tramite un collegamento video di scarsa qualità, poi quando le milizie di Zintan sono state cacciate da Tripoli il collegamento non è stato più ripristinato. Il ministro della Giustizia del governo legittimato dalla comunità internazionale e che ha sede nella Libia orientale, ha dichiarato di non riconoscere l’esito del processo.

(MNT, 3 AGOSTO 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts