Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Dalla parte di chi aiuta: INTERSOS ha celebrato in Libano il World Humanitarian Day

MOUNT LEBANON (LIBANO) –  In Libano decine di persone hanno partecipato alle celebrazioni del World Humanitarian Day 2015 nello Spazio a misura di bambino di Masboud (Mount Lebanon). Presente Sigrid Kaag, Special Coordinator dell’Onu per il Libano, insieme ai donatori e ai rappresentanti della comunità locale e internazionale che seguono il lavoro di Intersos. La cerimonia è stata accompagnata dall’esibizione musicale e teatrale dei bambini ospiti del centro e dalla degustazione di piatti tipici siriani.world[1]

Stefano Cordella, capo missione di Intersos, ha aperto la cerimonia ringraziando tutte le persone che ogni giorno lavorano per alleviare le sofferenze dei più vulnerabili, e sottolineando l’importanza di essere vicini alle tante persone costrette a fuggire dalla Siria, spesso lasciando alle proprie spalle famigliari e amici.

Ricordando il dodicesimo anniversario dell’attentato contro il Canal Hotel di Baghdad, quando 22 persone vennero uccise, Sigrid Kaag, ha affermato che ”il World Humanitarian Day rende omaggio a tutti gli operatori umanitari che hanno perso la vita per servire il prossimo, e ai tanti che continuano a mettere a rischio la propria vita per aiutare chi ha più bisogno”. L’obiettivo del World Humanitaria Day, ha aggiunto, è di ”inspirare un’azione più incisiva e un più vasto coinvolgimento nella costruzione di un mondo di pace e a misura d’uomo”, rafforzando la percezione della necessità di una responsabiltà collettiva nell’affrontare le sfide del presente. Sigrid Kaag ha ringraziato in modo particolare Intersos per il suo grande impegno in Libano, dove è stata la prima Ong a offrire risposte alle vittime della guerra del 2006, e ha sviluppato un forte rapporto sia con la comunità libanese che con la comunità siriana, portando avanti progetti in campo sanitaria ed educativo.

Nel corso del suo discorso, la rappresentante delle Nazioni Unite, ha evidenziato come il conflitto in Siria abbia generato sfide umanitarie senza precedenti e un enorme pressione sui paesi vicini e sulla comunità internazionale per riuscire ad assistere i tanti che ne hanno bisogno. ”Le Nazioni Unite – ha affermato – continueranno a fare ogni sforzo possibile per sostenere il Libano e sensibilizzare la comunità internazionale. La risposta fino ad oggi è stata enorme – ha infatti sottolineato – ma, anche in una situazione di difficoltà finanziaria globale, servono ancora risorse importanti per proseguire nel nostro lavoro”.

(MNT, 24 agosto 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts