Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Con un “fiore solare” la Moldova si presenta a EXPO e guarda all’UE

Moldova National Day a Expo Milano (Foto Daniele Mascolo)

MILANO EXPO – “E’ la prima volta che partecipiamo a un’esposizione universale con un nostro padiglione”. È ricordando il primato con cui la Repubblica di Moldova si presenta a Expo Milano 2015 che il primo ministro Valeriu Strelet ha aperto ieri le celebrazioni del National Day del Paese dell’Est Europa.  Accolto dal sottosegretario al ministero degli Affari Esteri Benedetto Della Vedova, davanti all’Expo Centre per la cerimonia dell’alzabandiera, il premier Strelet ha sottolineato i punti di forza della presenza moldava: “Nel nostro padiglione abbiamo cercato di rappresentare una fusione fra tradizione e modernità. Abbiamo voluto valorizzare la ricchezza della nostra produzione di frutta e verdura, dovuta soprattutto alla particolarità del suolo nero”.

Bendetto Della Vedova a Expo Milano  (Foto Daniele Mascolo)

Bendetto Della Vedova a Expo Milano (Foto Daniele Mascolo)

Per la Moldova partecipare all’Expo di Milano ha un grande valore: “Abbiamo molto da portare nella grande famiglia dell’Unione Europea – ha spiegato Strelet -. Per questo motivo, vi invito a scoprire il nostro Paese. Abbiamo l’obbligo morale di produrre di più e ampliare le nostre prospettive, collaborarando con gli altri Paesi per ridurre la malnutrizione nel mondo”. La Moldova ha scelto di partecipare a Expo Milano 2015 con il tema “Splenda la luce – L’Energia del Sole, l’Energia della Terra, il Cibo per l’Umanità”. “Nel suo spazio espositivo – ha spiegato il sottosegretario Della Vedova – la Moldova fa conoscere le sue tradizioni. La presenza moldava a Expo, inoltre, consente di intensificare i rapporti di collaborazione tra Moldova e Italia. Il nostro Paese – ha aggiunto – è il quarto partner commerciale della Moldova e il secondo investitore estero”. Benedetto Della Vedova ha poi ricordato il sostegno dell’Italia nel percorso di avvicinamento della Moldova all’Unione Europea: “Ho recentemente firmato il Protocollo di ammissione nell’Unione Europea della Moldova e la dichiarazione congiunta italo-moldava in materia di cooperazione bilaterale per l’applicazione dell’Accordo di Associazione e libero scambio tra l’Unione Europea e la Moldova”. Al termine della cerimonia ufficiale, i festeggiamenti si sono spostati al padiglione del Paese, dove la giornata è proseguita tra spettacoli di musica folk, danze e degustazioni di piatti tipici moldavi.

Il ministro Strelet sottoscrive la Carta di Milano (Foto Daniele Mascolo)

Il ministro Strelet sottoscrive la Carta di Milano (Foto Daniele Mascolo)

Accompagnata dal commissario generale di Expo Milano 2015 Bruno Antonio Pasquino, la delegazione moldava ha quindi visitato Palazzo Italia: qui il Primo Ministro Strelet ha sottoscritto la Carta di Milano. La Moldova è un piccolo Paese nell’Europa orientale. Il suolo ricco e il clima continentale temperato hanno reso il Paese una delle regioni agricole più produttive fin dai tempi antichi, e uno dei principali fornitori di prodotti agricoli del sud-est Europeo. La Moldova produce frutta, verdure, carne e prodotti derivati dal grano. Una delle più importanti attività del Paese è la produzione di vino, per il quale la Moldova è conosciuta ben oltre i suoi confini.

Il tema scelto dalla Moldova si concentra sul sole – la fonte primaria e fondamentale di luce ed energia – portatore di calore, vivacità e ossigeno; il sole come cibo per il corpo e per l’anima. Al centro dell’area espositiva c’è il fiore solare posto al di sopra del grande cubo di vetro, un’installazione di specchi costituita da migliaia di sfaccettature che raccolgono e riflettono la luce solare riproiettandola in migliaia di punti luminosi. Tutti gli elementi del padiglione convergono sul tema di uno stile di vita ecologico. Suggestivo è ache il planetario di costellazioni che i visitatori incontrano entrando nel Padiglione e il megaschermo da cui si può vedere il film “JOC”.   Realizzato per Expo da Pavel Braila, il film racconta del leggendario gruppo JOC, il più antico e famoso gruppo di danza popolare della Moldova che, nato nel 1945, ha realizzato nel corso degli anni più di settemila spettacoli in tutto il mondo. (O.I., 29 agosto 2015)

 

 

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts