Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

EXPO, Somalia all’Italia: nostra amicizia è storica e ci aiuta a costruire il futuro

Il presidente somalo Hassan Sheikh Mohamud a Expo Milano (Foto di Daniele Mascolo)

MILANO EXPO – La storica amicizia tra Italia e Somalia è stata al centro del National Day del Paese africano, celebrato oggi a Expo Milano, alla presenza del presidente della Repubblica somala Hassan Sheikh Mohamud e del ministro della Difesa italiano Roberta Pinotti. Il presidente Hassan Sheikh Mohamud ha sottolineato l’importanza delle relazioni che intercorrono tra le due nazioni: “Grazie all’Italia sono state create piantagioni e sono state costruite strutture ospedaliere che, sebbene oggi non siano perfettamente funzionanti a causa dei conflitti, hanno costituito un grande aiuto e potranno essere fondamentali anche in futuro se ripristinate nella loro funzionalità”.

 Hassan Sheikh Mohamud con il ministro Pinotti a Expo (Foto di Daniele Mascolo)

Hassan Sheikh Mohamud con il ministro Pinotti a Expo (Foto di Daniele Mascolo)

“La Somalia è un Paese ricco di risorse come gas e petrolio – ha aggiunto Mohamud – e siamo tra i più grandi esportatori di tonno in Europa, ma la nostra popolazione è stata tenuta in povertà dagli estremismi. Per questo ora abbiamo bisogno dell’aiuto di partner internazionali anche nella forma di investimenti economici, che si affiancano agli sforzi diretti del mio governo. In questo periodo sono state realizzate molte strutture per l’educazione e per creare un nuovo futuro. Tra queste – ha evidenziato il presidente del Paese africano – la riapertura nel 2014, grazie anche al supporto dell’Italia, dell’Università nazionale somala, inattiva dal 1991 a causa della guerra civile”. Il presidente ha anche sottolineato come le relazioni tra i due Paesi si concretizzano anche nell’aiuto che l’Italia sta dando per la sicurezza della Somalia e per la lotta al terrorismo.  “Combattiamo l’estremismo supportati dall’Italia – ha detto -. La mobilità delle nostre forze dell’ordine è migliorata grazie a questo supporto che è importante per il futuro del nostro Paese”. Una Somalia “stabile e sicura può contribuire alla pace nel mondo”.

A rappresentare il governo italiano era presente il ministro della Difesa, Roberta Pinotti che ha evidenziato come Somalia e Italia abbiano “una storia alle spalle lunga più di un secolo caratterizzata da rapporti politici, economici e culturali inscindibili”. “È per questo – ha continuato Pinotti – che il governo italiano continuerà con convinzione a sostenere, sia sul piano bilaterale che attraverso le istanze multilaterali, il processo di riforme avviato per arrivare all’adozione di una nuova Costituzione entro il 2015 e alle elezioni generali nel 2016”.  La collaborazione tra Italia e Somalia, come ha sottolineato il ministro  è fruttuosa “anche sul tema di Expo, ‘Nutrire il Pianeta. Energie per la Vita” e  “tende ad individuare soluzioni concrete alle sfide globali”.

Danze e costumi tradizionali somali a Expo Milano (Foto di Daniele Mascolo)

Danze e costumi tradizionali somali a Expo Milano (Foto di Daniele Mascolo)

La Somalia partecipa a Expo Milano nel Cluster delle Zone Aride, dove racconta ai visitatori le sue tradizioni e presenta  la diversità dei suoi prodotti agricoli (come banane, mango e pompelmi) e le immense opportunità nell’industria del pesce, visto che la Somalia ha quasi 3000 miglia di costa inutilizzate. Risorse che rappresentano opportunità per gli investitori stranieri.
Le relazioni storiche tra Italia e Somalia hanno permesso alla Cooperazione italiana di intervenire a sostegno della popolazione e del governo somali con particolare efficacia, concretizzando interventi che nessun altro donatore ha realizzato nel Paese dell’Africa orientale. Nello Stato africano, segnato da una prolungata guerra civile iniziata nel 1991, l’Italia ha messo in campo programmi di pace e riconciliazione che stanno contribuendo alla ricomposizione della società somala. Dall’inizio degli anni Novanta, la Direzione generale della Cooperazione allo sviluppo (Dgcs) ha concentrato le sue attività anche a rispondere ai bisogni primari della popolazione somala, spesso colpite da calamità naturali e povertà, con iniziative umanitarie e di riabilitazione economica. Negli ultimi 5 anni la Cooperazione italiana ha finanziato progetti per un valore di oltre 17 milioni di euro, attraverso Unicef, Unops, Un-Habitat, Undp, Fao e Unhcr. Lo scorso luglio la Dgcs ha inoltre approvato un ulteriore contributo di 1 milione di euro a favore del Comitato internazionale di Croce rossa (Cicr), destinato a finanziare interventi umanitari per sostenere i servizi sanitari di base e ospedalieri in Somalia.

Soldati italiani in Somalia consegnano viveri per 450 famiglie

Soldati italiani in Somalia consegnano viveri per 450 famiglie

Forte anche l’impegno sul fronte della sicurezza: militari italiani operano in Somalia in supporto alla missione di addestramento dell’Unione Europea (European Union Training Mission Somalia (EUTM Somalia), ma si occupano anche di formazione lavoro e di contatti con le realtà economiche locali.  Lo scorso luglio, presso il Porto Vecchio di Mogadiscio, i soldati del National Support Element hanno donato alla cooperativa locale di pescatori ”HIBO Fishery Cooperative” materiali occorrenti per la costruzione e la successiva manutenzione di reti da pesca le cui tecniche artigianali locali sono state oggetto di un corso di circa due mesi. L’iniziativa italiana ha incluso la promozione per l’inserimento di personale femminile nel mondo del lavoro della pesca, attualmente caratterizzato dalla presenza quasi esclusiva di uomini.  (FM, 3 settembre 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts