Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

EXPO, Turchia: il nostro padiglione aperto simboleggia il dialogo tra civiltà

Il National Day della Turchia a Expo Milano (Foto di Daniele Mascolo)

MILANO EXPO – “Il padiglione della Turchia a Expo è uno spazio aperto, mentre la maggior parte dei Paesi ha strutture chiuse, e simboleggia un luogo dove tutte le civiltà si possono incontrare”. Lo ha affermato oggi il ministro dell’Economia, Nihat Zeybeckcì, in occasione delle celebrazioni del National Day della Turchia, protagonista oggi a Expo Milano 2015.   È attraverso questo scambio che la Turchia ha fondato il proprio passato e il proprio avvenire, ha aggiunto il ministro turco che ha lanciato un messaggio sul tema del cibo, al centro di Expo 2015:  “Non dobbiamo buttare via neanche una briciola di pane, per questo abbiamo l’abitudine di alzarci da tavola senza sprecare nulla. Se riusciremo a inculcare tale insegnamento ai nostri figli avremo un futuro migliore”.

Zeybekcì ha poi sottolineato come i rapporti tra Italia e Turchia siano molto stretti: “Entrambi sono sempre stati crocevia per il commercio, sono Paesi mediterranei che condividono gli stessi valori e accolgono tradizioni diverse. Dobbiamo collaborare, siamo simili e perciò abbiamo migliori possibilità di lavorare insieme”. Un’osservazione confermata dai numeri, che vedono l’Italia al quarto posto tra i partner commerciali della nazione mediorientale.

Il padiglione turco a Expo Milano (Foto di Daniele Mascolo)

Il padiglione turco a Expo Milano (Foto di Daniele Mascolo)

A fare gli onori di casa, il commissario generale di Expo Milano 2015, Bruno Antonio Pasquino, che ha ricordato le antiche relazioni tra Italia e Turchia e il ruolo che entrambi i Paesi svolgono sullo scenario internazionale, ponti tra Europa e Asia: “Siamo gli eredi di antichissime civiltà, culle di cultura in Medio Oriente e nel Mediterraneo”. “Un simbolo del cibo e della cultura di ospitalità del Paese mediorientale si trova nel melograno che rappresenta diversità e unità, valori che caratterizzano la Turchia, pronta ad aprirsi al resto del mondo”, ha incalzato Pasquino. Dopo le celebrazioni si è tenuto un Business forum, oltre a degustazioni di cibi tradizionali, laboratori artigianali e una partita di calcio giovanile tra Italia e Turchia. In programma anche performance culturali e folcloristiche spettacoli di fuoco del gruppo “Il fuoco dell’Anatolia” e un’esibizione dell’orchestra di Burhan Öcal.

Il padiglione della Turchia a Expo è il quinto più grande dell’esposizione universale: richiama un melograno stilizzato (“nar”) e ospita un giardino di platani dove degustare il tè tipico, circondati da chioschi e aree mercato. La Turchia intende presentare soluzioni innovative ai problemi di fondo della Terra come la nutrizione e l’energia.  All’interno del padiglione vengono mostrate la cultura turca, le sue tradizioni e la sua tecnologia. (FM, 14 settembre 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts