Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Stone sulla crisi dei rifugiati: “Ricordarsi chi ha destabilizzato il Medio Oriente”

NEW YORK – “Chi ha destabilizzato la Libia? Chi ha creato questo caos, forzando molti a partire verso Paesi come l’Italia? L’Italia era coinvolta nei bombardamenti? Era a favore dell’intervento militare? Sì? Allora ne sta raccogliendo i frutti, ma chi era al comando di questa linea?”: per Oliver Stone, tre volte premio Oscar per la regia di Platoon e Nato il quattro luglio e per la sceneggiatura non originale di Fuga di mezzanotte, non bisogna dimenticare le radici della crisi del rifugiati al centro del dibattito internazionale.

“Non vedo una fine a questo problema: abbiamo destabilizzato così tanti Paesi nel Medio Oriente che saremo inondati: toccherà prima all’Europa e se gli Stati Uniti fossero più generosi ospiterebbero un milione di rifugiati, ma non credo succederà”.

Il regista Oliver Stone e il presidente dell'associazione dei corrispondenti Onu, Giampaolo Pioli

Il regista Oliver Stone e il presidente dell’associazione dei corrispondenti Onu, Giampaolo Pioli

Nella conferenza stampa organizzata dall’associazione dei corrispondenti all’Onu e ospitata nel palazzo di Vetro, Stone, che nella sua carriera ha portato sul grande schermo temi caldi della politica americana – dalla guerra in Vietnam (a cui ha partecipato preso parte da ragazzo, “sono tornato disorientato”) ad alcuni presidenti USA, ma anche Wall street – è affiancato da Peter Kuznick. Col professore di storia presso l’American University e direttore dell’Istituto di studi nucleari, il regista ha realizzato a quattro mani il libro The Untold History of the United States e il documentario da 12 episodi che lo ha ispirato.

Per Kuznick, la crisi in Siria è fortemente legata oltre che al bombardamento, alla siccità che colpì il paese nel 2006, distruggendo l’agricoltura siriana, facendo perdere al 67% degli agricoltori i propri raccolti e portando le persone a trasferirsi nei centri urbani. “La città in cui è cominciata la rivolta era, infatti, quella maggiormente colpita da tutto questo flusso di migranti”, ha sottolineato il professore, secondo cui il cambiamento climatico potrebbe aprire ad altri fenomeni migratori: “bisogna fare qualcosa di serio per contrastare il cambiamento climatico: siamo di fronte a un problema reale che ci riguarda come specie, e questo è un altro motivo per occorre agire insieme a livello di Nazioni Unite o di altre organizzazioni”.

Professor

Il professor Kuznick e il giornalista Joe Lauria

Parlando con Onuitalia, aggiunge: “C’è bisogno che gli Stati Uniti e la Russia si incontrino e parlino, soprattutto della Siria. La brutalità di Assad in risposta alla rivolta è imperdonabile”, ma la sostituzione con un governo di coalizione, che il professore auspica, in linea con altri analisti internazionali, “è un processo graduale” che dovrebbe avvenire “attraverso le negoziazioni, non con bombardamenti da parte americana, saudita o turca, o supportando gli estremisti. Passa attraverso gli Stati Uniti e la Russia che si siedono a tavolino, insieme alla Cina”. Il 28 settembre Barack Obama aprirà, con il Brasile, il dibattito annuale dell’Assemblea Generale. A seguire, prenderanno la parola dopo di lui – oltre all’iraniano Hassan Rouhani, al francese François Hollande e al cubano Raul Castro, il leader cinese Xi Jinping e il presidente russo Vladmir Putin che torna all’Onu dopo dieci anni. “Auspicherei un incontro prima dell’Assemblea Generale, ma non mi aspetto che succederà”, ha dichiarato Kuznick. (AS, 16 Settembre 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts