Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

EXPO, Angola in prima linea per sostenere la Carta di Milano

L'Angola Day a Expo Milano (Foto di Daniele Mascolo)

MILANO EXPO –  “L’Angola è pronta a sostenere e diffondere la Carta di Milano, che costituisce sicuramente la più importante eredità dell’esposizione universale”.  Parola del vice presidente dell’Angola, Manuel Vicente, che oggi ha aperto ufficialmente le celebrazioni del National Day del Paese africano a Expo Milano 2015.   Il vice presidente angolano ha  sottolineato come “questa è una grande opportunità per intensificare i rapporti tra le nostre nazioni” e ha evidenziato come “il tema di Expo Milano 2015 ‘Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita’ è assolutamente in linea con il nostro impegno di diversificare e ampliare la produzione di cibo, migliorare l’educazione e ottenere una più estesa distribuzione dell’energia elettrica”.  “Siamo pronti a promuovere la Carta di Milano”, ha aggiunto Manuel Vicente in riferimento al  documento di intenti sulla sostenibilità alimentare sarà consegnato al Segretario Generale dell’ONU Ban Ki-moon il prossimo 16 ottobre

Presente alle celebrazioni Albina Assis Africano, commissario generale del Padiglione Angola, a capo di tutti i commissari di Expo Milano 2015, che ha animato numerose iniziative di successo all’esposizione universale, anche in collaborazione con WE-Women for Expo.

Bendetto della Vedova, Manuel Vicente e Albina Assis Africano (Foto di Daniele Mascolo)

Bendetto della Vedova, Manuel Vicente e Albina Assis Africano (Foto di Daniele Mascolo)

Al National Day è intervenuto anche il sottosegretario di Stato agli Affari Esteri Benedetto Della Vedova, che ha precisato come “il successo di questo evento, reso possibile anche grazie alla partecipazione dell’Angola, risiede nella proposta di nuove soluzioni ai problemi legati all’alimentazione e alla sostenibilità nel mondo”.  “Le nazioni africane sono intervenute in gran numero a Expo Milano 2015 – ha aggiunto il sottosegretario -. Sono in 40 infatti ad avere il loro spazio espositivo. Il padiglione dell’Angola, in particolare, è il più grande tra questi (2000 mq), realizzato con tecniche innovative ed è stato di grande richiamo per i visitatori”.   Nel luglio dello scorso anno il premier Matteo Renzi ha visitato l’Angola dove ha incontrato il presidente angolano José Manuel Dos Santos, con il quale ha affrontato opportunità di cooperazione economica.  Oggi l’Angola è il terzo partner commerciale sub-sahariano dell’Italia.  Nell’incontro con il presidente angolano Renzi si è anche impegnato a sostenere la candidatura dell’Angola a entrare nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite  come membro non permanente per il prossimo biennio.

Il padiglione dell'Angola a Expo Milano

Il padiglione dell’Angola a Expo Milano

Le celebrazioni dell’Angola Day  sono proseguite con una festosa performance di balli e canti tipici sul palco dell’Expo Centre e poi con una parata lungo il Decumano fino al Padiglione dell’Angola. Nel pomeriggio è anche intervenuta la pop star angolana Gersy Pegado; spazio alla moda, infine, con le stiliste Carla Silva, Nadir Tati e Elisabeth Santos. L’Angola si presenta “in grande” a Expo Milano con il padiglione più ampio di tutti gli Stati africani partecipanti e un percorso tematico che punta a raccontare i progressi del Paese ma anche le sue peculiarità tradizionali.  Il padiglione dell’Angola presenta un’enorme facciata bianca che si snoda come un grande scenario, modulato dalle geometrie tipiche dei tessuti angolani.  Con il tema “Cibo e cultura: educare per innovare” la Repubblica dell’Angola propone un viaggio che parte dalle sue radici culturali, rappresentate all’ingresso da un’enorme albero di Baobab tecnologico e stilizzato,  per poi percorrere la storia del Paese sotto il profilo dell’alimentazione, fino a giungere alle conquiste raggiunte sul fronte dell’istruzione e della sicurezza alimentare. (FM, 15 settembre 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts