Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Papa all’America e al mondo, stop alla pena di morte

WASHINGTON – Papa Francesco ha chiesto al Congresso Usa, all’America e al mondo di abolire la pena di morte. “Ogni vita è sacra, ogni persona ha inalienabile dignità”, ha detto il Papa alle Camere riunite, membri del governo e quattro dei nove giudici della corte Suprema.

Francesco ha sostenuto “l’abolizione globale della pena di morte”, “convinto che questa sia la via migliore”, poiché “ogni vita è sacra, ogni persona umana è dotata di una inalienabile dignità, e la società può solo beneficiare dalla riabilitazione di coloro che sono condannati per crimini”.

Il Papa ha appoggiato l’appello dei vescovi Usa ad abolire la pena capitale e offerto “sostegno a tutti coloro che sono convinti che una giusta e necessaria punizione non deve mai escludere la dimensione della speranza e l’obiettivo della riabilitazione”.  Al Congresso Bergoglio ha chiesto anche di “proteggere e difendere la vita umana in ogni fase del suo sviluppo”.

Presente al discorso era la giudice Ruth Bader Ginsburg, una dei progressisti della Corte Suprema che con altri tre colleghi aveva messo in dubbio la costituzionalita’ della pena di morte in una opinione di minoranza sull’iniezione letale lo scorso giugno. L’autore dell’opinione, Stephen Breyer, non era presente. Seduto in prima fila con la Ginsburg erano il giudice capo John Roberts, cattolico e conservatore, e i due cattolici, Sonia Sotomayor, progressista e ispanica e  Anthony Kennedy, considerato l’ago della bilancia dei nove togati. Assenti gli altri dell’ala destra della Corte: uno di loro, Antonin Scalia, all’inizio della settimana in un discorso in Tennessee, aveva detto che “non sarebbe stato sorpreso” se la Corte Suprema dovesse dichiarare l’incostituzionalità delle esecuzioni.

Applausi a distanza da Roma di Mario Marazziti, portavoce della Comunita’ di Sant’Egidio che da anni si batte per l’abolizione della pena di morte nel mondo e in particolare negli Stati Uniti: “Un’intervento straordinario, che aiuta tutte le democrazie a capire che non c’è giustizia senza vita, e che la pena di morte abbassa l’intera società al livello di chi uccide. C’è una cultura di morte e una sconfitta evidente nel mantenimento della pena capitale. E’ una società che non sa immaginare la riabilitazione, ma solo la punizione. E questo l’ha detto con chiarezza papa Francesco, anche in termini personali. (AB, 24 settembre 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

1 Comment on Papa all’America e al mondo, stop alla pena di morte

  1. giuseppe // 24/09/2015 at 1:22 pm //

    grandissimo Papa Francesco!!!!! Una lezione di vita e di libertà a tutto il mondo!!!che Dio lo aiuti nella sua opera di amore per la gente!

Comments are closed.