Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Clima: Galletti, Parigi sarà paradigma nuovo ordine mondiale

MILANO – A due mesi dalla Conferenza sul clima Cop21 di Parigi, si riaccende il dibattito sulle ripercussioni che il riscaldamento globale ha e avrà sugli assetti economici, sociali e ambientali.

Con un incontro dal titolo “Cambiamenti climatici e impatti geopolitici” Edison ha invitato a parlarne ospiti nazionali e internazionali in un seminario organizzato a Palazzo Edison, a Milano, nell’ambito del palinsesto di eventi “Edison Open 4Expo”.img1024-700_dettaglio2_Parigi-ertice-mondiale-sul-clima-Cambiamenti-climatici-clima[1]

Aprendo i lavori il Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti ha osservato che  “La conferenza Cop 21  può rappresentare il paradigma di un nuovo ordine mondiale. L’accordo di Parigi sul clima non può però essere punitivo, ma il risultato di un’intesa, motore di sviluppo e innovazione”. In questo senso, ha proseguito il ministro, “l’Europa a Parigi ha una missione complessa e importante: essere il motore di un’intesa che tenga dentro tutti, che sia accettabile sia per i paesi ricchi sia per quelli poveri”.

Due tavole rotonde hanno affrontato il tema degli effetti che un accordo internazionale sui cambiamenti climatici potrebbero avere sulle dinamiche geo-politiche e la sicurezza globale; e il modo in cui le imprese possono conciliare le loro strategie di sviluppo industriale con le politiche di de-carbonizzazione stabilite dai Governi. Tra gli ospiti intervenuti, la docente indiana Leena Srivastava – direttrice esecutiva di Teri, l’organizzazione per lo sviluppo sostenibile fondata dall’economista premio Nobel per la Pace, Rajendra Pachauri -, l’economista Tebaldo Vinciguerra, officiale del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, che ha contribuito alla stesura della lettera enciclica “Laudato Sì” di Papa Francesco, il presidente della Commissione Ambiente alla Camera, Ermete Realacci. Il seminario si è chiuso con un dialogo fra Lucio Caracciolo, direttore della rivista di geo-politica Limes, e Francesco Rutelli, presidente della fondazione “Centro per un Futuro Sostenibile”.

(MNT,  5 ottobre  2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts