Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migranti, OIM: Europa verso record 600,000 arrivi, 137,000 in Italia. Manzione: +30% richiedenti asilo

Migranti, Lampedusa

ROMA – Il Mediterraneo attraversato da 600mila migranti che puntano all’Europa: è il record che sta per essere raggiunto, secondo quanto riferisce l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni. Il 13 ottobre l’OIM ha reso noto che ad oggi 593.432 migranti e rifugiati provenienti da Afghanistan, Eritrea, Iraq, Nigeria, Pakistan, Siria, Somalia, Sudan hanno raggiunto le coste italiane, greche, spagnole e maltesi.

Secondo le stime dell’organizzazione, almeno 3.103 migranti hanno perso la vita nel Mediterraneo dall’inizio dell’anno, a causa del maltempo e delle disperate condizioni delle traversate in imbarcazioni sovraffollate. Ad oggi, l’Italia ha registrato oltre 136.408 arrivi. Inoltre, 61mila domande d’asilo sono state presentate alle autorità italiane, il 30% in più rispetto al 2014, quando in tutto l’anno ne sono pervenute 64mila.

Il numero delle commissioni che esaminano le domande di asilo e la produttività di questi organismi è stato raddoppiato per valutare il numero crescente di richieste, ha riferito il sottosegretario all’Interno, Domenico Manzione, aggiungendo che finora ne sono state esaminate 46mila, rispetto alle 27mila dello scorso anno. Tuttavia, una decisione definitiva può richiedere fino a 18 mesi, quando i candidati fanno ricorso in caso di diniego: un periodo di tempo “preoccupante”, che potrebbe vanificare gli sforzi delle commissioni d’esame, ha dichiarato Manzione.

OIM

OIM

Provengono per lo più da sei Paesi, i migranti che arrivano in Italia. Secondo i dati del Ministero degli Interni a fine settembre erano soprattutto di nazionalità eritrea (35.938), nigeriana (17.886), somala (10.050), sudanese (8370) e siriana (7072), per la maggior parte uomini (99.999), seguiti dalle donne (18,398) e dai minori (13.674), di cui 10.043 non accompagnati. Federico Soda, Direttore dell’Ufficio di coordinamento OIM per il Mediterraneo, ha sottolineato che “un aspetto preoccupante di queste figure è l’aumento negli arrivi di donne nigeriane, 1.008 lo scorso anno, 4.371 nel 2015. Sappiamo che molte di loro sono potenziali vittime di tratta, (quindi) OIM Italia ha creato due squadre anti-traffico, che offrono informazioni e protezione a queste donne”, ha aggiunto.

Il 9 ottobre intanto 19 migranti eritrei sono stati ricollocati da Lampedusa a Lulea, Svezia. “L’operazione ha rappresentato un passo importante per la creazione di un meccanismo che sarà in grado di fornire supporto all’Italia e di offrire una valida alternativa a quei migranti che vedono l’Italia come un paese di transito”, ha commentato Soda.

Nella classifica OIM, l’Italia precede la Spagna (3,007) e Malta (105), e segue la Grecia, dove il numero dei migranti raggiunge quota 453,912, secondo quanto riferito dalle autorità greche e lo staff OIM nel Paese. In particolare, sono 393,000 gli arrivi in Grecia dal 1° gennaio al 30 settembre, rispetto ai 31mila registrati lo scorso anno, nello stesso periodo. I Paesi di provenienza più rappresentati sono Siria (277,899), Afghanistan (76,620), Iraq (21,552) e Pakistan (14,323).

“Mentre i migranti che arrivano via mare in Grecia sono principalmente in fuga da guerre o persecuzioni, in Italia i flussi sono più misti, e comprendono persone in fuga da conflitti e regimi oppressivi, ma anche da povertà”, ha dichiarato Soda, sottolineando che “data la situazione in Libia, si potrebbero considerare come vulnerabili anche i migranti economici, soprattutto dall’Africa sub-sahariana”. (AS, October 13, 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts