Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

EXPO, Yemen si presenta con caffè e miele, ma la guerra continua

MILANO EXPO – Nonostante la guerra che da sette mesi sta affliggendo lo Yemen, si è celebrato ieri a Expo Milano il National Day del Paese mediorientale, al quale è stato oggi dedicato  un Forum economico. “Fin dai tempi antichi la nostra terra era famosa per il suo caffè e il miele. Siamo la patria del caffè Moka che veniva commercializzato attraverso il porto di Mokha, e del miele del Sidr, considerato uno dei più raffinati e cari, visto il suo effetto benefico sulla salute”, ha detto il commissario generale, Haitham Abdel Mo’men Shugaa Eddin, aprendo il suo intervento. Lo Yemen partecipa a Expo Milano 2015 con un proprio padiglione al Cluster del Caffè con il tema “Il caffè Moka e il miele Sidr, i doni dello Yemen al mondo”.

Haitham Abdel Mo’men Shugaa Eddin e Noman Al-Mulsi a Expo Milano (Foto di Daniele Mascolo)

Haitham Abdel Mo’men Shugaa Eddin e Noman Al-Mulsi a Expo Milano (Foto di Daniele Mascolo)

“Lo Yemen è stato da sempre conosciuto come l’Arabia felix, grazie alla sua diversità climatica e alle terre fertili – ha sottolineato il vicecommissario Noman Al-Mulsi -. Per noi partecipare a Expo Milano 2015 è una grande occasione per beneficiare dalle varie esperienze internazionali nell’ambito dell’alimentazione e dello sviluppo sostenibile”. “L’Italia ha sostenuto con determinazione la partecipazione dello Yemen all’Esposizione Universale e continuerà a sostenere le autorità yemenite nel fondamentale percorso verso la stabilizzazione democratica”, ha affermato Bruno Pasquino, commissario generale di Expo.

Nelle ultime ore si è tenuto anche un Forum economico dedicato allo Yemen, organizzato da Camera di commercio di Milano e Promos, la sua azienda speciale per le Attività Internazionali. L’export italiano verso lo Yemen è rappresentato soprattutto da esportazioni lombarde, circa 11 milioni di euro che per il 56% provengono da Milano e per il 20% da Brescia. Esportiamo soprattutto computer, apparecchi elettronici ed ottici (30%) e prodotti in metallo (29%), macchinari (15%) e prodotti e sostanze chimiche (10%) mentre importiamo prodotti del risanamento dei rifiuti. Da sette mesi in Yemen è in corso una guerra intestina che ha già ucciso 2mila civili e causato oltre un milione di sfollati. Interi quartieri della capitale yemenita Sana’a, da sempre conosciuta come una delle città più belle dell’intero Medio Oriente,  sono oggi distrutti. (FM, 15 ottobre 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts