Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Stampanti 3D per Palmira: Rutelli, archeologi e inventori ricostruiranno quel che Isis distrugge

ROMA – Associare le conoscenze degli archeologi alle innovazioni dei tecnologi per combattere la forza distruttiva dell’Isis e far rivivere il patrimonio artistico e culturale demolito dal terrorismo in Iraq e in Siria: grazie a una stampante 3D alta 12 metri (ampliabili a 24), ideata dall’inventore Massimo Moretti ed esposta domenica 18 ottobre al Maker Faire presso La Sapienza, antichi capolavori polverizzati in città come Ninive e Palmira torneranno alla luce in dimensioni reali.

Un incontro tra passato e futuro che è già realtà: a dicembre, infatti, a Roma verranno presentate le prime riproduzioni. E’ una sfida tutta italiana, come racconta Francesco Rutelli, presidente di “Incontro di Civiltà”, l’associazione promotrice del progetto, illustrato insieme al consigliere per l’innovazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri Riccardo Luna, all’archeologo Paolo Matthiae, al presidente della fondazione Terzo Pilastro e Maker Faire Rome – The European Edition Emmanuele Emanuele e all’inventore Moretti di WASP.

Rutelli intervistato da Il Messaggero

Rutelli intervistato da Il Messaggero

“Ci prepariamo a ricostruire alcuni capolavori che oggi sono polvere, soprattutto sculture che sono state distrutte a Nimrud, Ninive, Palmira e in altre parti della Siria dell’Iraq”, ha detto al Messaggero l’ex sindaco di Roma, già ministro dei Beni e delle attività culturali e vicepresidente del Consiglio nel governo Prodi, sottolineando come questa iniziativa sia realizzabile grazie alla fusione di “mondi lontani mille miglia”: quello degli “studiosi, archeologi italiani”, che “condividono i dati, quali disegni, riproduzioni, foto, video delle opere distrutte”, e quello dei “maker, tecnologi italiani in particolare nel campo delle stampanti 3D”.

Realizzate in un primo momento con “materiali neutri”, ma “su base scientifica, con perfezione tecnica e qualità italiana” e la “certezza che la riproduzione sia perfetta”, le ricostruzioni potranno essere prodotte in un secondo momento dalle ceneri delle opere distrutte, come confermato da Moretti, l’inventore della Big Delta WASP, la stampante ideata per costruire case velocemente e a costi ridotti. Ma se i detriti per ora sono inaccessibili, perché ammucchiati in terreni di guerra, si pensa già alla possibilità di “ricostruire edifici” ricavando dei blocchi di pietra dalle stesse cave nelle vicinanze di Palmira da cui vennero presi i materiali per la costruzione della città.

“Si tratta di fare studi scientifici molto accurati del sito, avere il via libera degli studiosi e dell’UNESCO”, ha dichiarato Rutelli, che nei giorni scorsi a Parigi ha presentato l’iniziativa alla direttrice dell’agenzia ONU Irina Bokova: “è assolutamente entusiasta dell’idea, si è congratulata con noi e ha messo a disposizione, a sostegno dell’iniziativa, la campagna Unesco Unite4Heritage”.

Palmira, Isis distrugge la statua del leone di AlatLe riproduzioni realizzate verranno portate nel mondo con mostre divulgative per raccontare, “l’importanza della cultura di oggi, che, come pensavamo fosse acquisito per sempre, è nel pluralismo, nel rispetto della diversità. Chi vuole cancellare la diversità per motivi storici, religiosi, culturali o di potere – deve sapere che ci sono altre forze nel mondo che hanno oggi, grazie ai maker, delle tecnologie nuove per contrastarli”.

Pur trattandosi di falsi, queste opere restituiscono un forte senso di identità e appartenenza ai popoli, aveva dichiarato l’archeologo Matthiae, celebre per aver portato alla luce Ebla.

Per ascoltare l’intera intervista del Messaggero a Rutelli, cliccare qui. (AS, 19 Ottobre 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts