Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migrazioni: in Grecia già mezzo milione di rifugiati, dice Unhcr

Un siriano solleva in aria la figlia dopo essere arrivati via mare dalla Turchia a Mitilene, sull'isola greca di Lesbo, all'alba del 16 giugno 2015. (AP Photo/Thanassis Stavrakis)

GINEVRA –  Nel corso del 2015 in Grecia sono giunti più di 500mila migranti: è l’annuncio dell’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati, secondo il quale la soglia del mezzo milione è stata superata sabato “con l’arrivo sulle isole dell’Egeo di 8.000 persone” di cui “5.000 soltanto nell’isola di Lesbo”. Il totale dei migranti arrivati sul territorio greco, con l’obiettivo di raggiungere centro e Nord Europa, è  dunque di 502.000 persone tra migranti economici e rifugiati. Grecia_rifugiati_2[1]

Secondo quanto ha spiegato la portavoce dell’Unhcr Melissa Fleming che ha fornito le cifre del fenomeno, il numero degli ingressi totali dal Mediterraneo in Europa è di 643.000, ” i migranti cercano disperatamente di proseguire rapidamente il proprio cammino perché temono che le frontiere restanti possano essere chiuse presto”.

In questo contesto come in altre parti d’Europa, secondo l’Unhcr “è di primaria importanza che siano garantite condizioni di accoglienza adeguate. Se questo requisito essenziale non viene soddisfatto, potrebbe essere compromesso il funzionamento ed il successo dell’intero programma di ricollocamento, che l’Europa ha deciso a settembre”.

Per affrontare l’attuale situazione in Europa ed evitare movimenti secondari irregolari, avverte l’Unhcr, “sono necessarie diverse misure di stabilizzazione nei paesi di primo asilo e in tutti i paesi in cui avvengono movimenti secondari. Tali misure comprendono un forte sostegno ai paesi che ospitano il gran numero dei rifugiati siriani, iracheni e afghani, una campagna informativa sui pericoli del viaggio in mare e lo sviluppo di percorsi legali per cercare protezione in Europa”. “Nei paesi interessati da movimenti secondari in Europa – conclude l’Unhcr – devono essere compiuti sforzi significativi affinché si sviluppino sistemi validi di accoglienza e solide capacità di registrazione in modo che il programma di ricollocamento possa funzionare”.

(MNT,  22 ottobre  2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts