Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Diritto umanitario: Pinotti a conferenza Carabinieri, chi lo rispetta genera fiducia

ROMA, 23 OTTOBRE – Chi rispetta il diritto internazionale genera fiducia. Il Ministro della Difesa Roberta Pinotti ha preso parte alla conferenza di diritto internazionale umanitario – International Humanitarian Law and Modern Warfare – che ha preso il via oggi nell’Aula Magna della Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma.

​“Oggi, la maggior parte dei conflitti vede un ruolo predominante di gruppi armati non riconducibili all’entità statale, e che anzi approfittano della debolezza delle strutture statali. Il diretto coinvolgimento della popolazione civile nelle ostilità belliche è un fenomeno che si verifica con sempre maggiore frequenza. L’obiettivo del conflitto non è più solo quello della conquista territoriale, ma rivendicazioni di tipo ideologico, spesso radicali, hanno infiltrato le ragioni alla base delle guerre”, ha detto la Pinotti alla Conferenza che era stata aperta dal Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette, e al quale hanno preso parte anche il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Paolo Gentiloni, il Procuratore della Corte Penale internazionale, Fatou Bensouda, e il Presidente della Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja, Ronny Abraham.

L’incontro ha messo esperti a confronto sull’attuale evoluzione del diritto internazionale umanitario, l’instabilità del quadro geostrategico internazionale e il sempre maggiore impegno dell’Arma dei Carabinieri e delle altre Forze armate italiane nei processi di stabilizzazione nell’ambito delle missioni sotto egida ONU, NATO e UE.

Il Ministro Pinotti ha ricordato l’ importanza dell’avvento delle nuove tecnologie operate da remoto, i sistemi d’ arma autonomi, la guerra cibernetica che “costituiscono situazioni peculiari delle guerre moderne che pongono sfide importanti sia al regolatore, sia a chi opera sul campo”. Sfide che richiedono una duplice risposta: da una parte la normazione effettiva delle nuove situazioni che non sono efficacemente regolabili tramite l’adattamento del diritto vigente e, dall’altra, la previsione di adeguati meccanismi per rendere efficaci e rispettate le norme che già esistono.

In questo quadro un ruolo centrale deve essere svolto dalla politica: “Il diritto internazionale umanitario tocca, più che altre branche del diritto, temi eticamente sensibili e grandi questioni. La sicurezza individuale e collettiva, l’uso della forza, la dignità e il rispetto che sono dovuti a ogni essere umano. Penso allora al dibattito sui sistemi d’arma non letali e alle campagne contro certe tipologie di armi indiscriminate, e di quanto questi abbiano beneficiato dal coinvolgimento di tutte le articolazioni della collettività civile e militare”.

Secondo il ministro “la capacità degli Stati di rispettare le norme del diritto internazionale ha un forte impatto sulla credibilità e sulla fiducia che essi sono in grado di ingenerare nell’ ambito della comunità internazionale – ha aggiunto il Ministro, spiegando che la considerazione assume particolare valore nell’attività di gestione delle situazioni belliche e post-belliche, nelle quali la capacità di mediare fra le parti in conflitto è spesso collegata alla virtuosità dell’agire legale internazionale, soprattutto nella prospettiva dell’ applicazione del diritto internazionale umanitario. L’Italia, in ciò – ha concluso – è Paese enormemente credibile e rispettato, grazie all’eccellente lavoro delle nostre Forze armate”. (AB, 23 ottobre 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts