Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

#UNBlue: Rovereto, la Campana dei Caduti riecheggia la pace da 90 anni. “Onu più incisiva” dopo #UN70

La Campana dei caduti di Rovereto

(di Anna Serafini)

NEW YORK, 24 OTTOBRE – Cento rintocchi. Ogni sera. Dal 4 ottobre 1925. Per ricordare inizialmente i caduti della prima guerra mondiale, oggi tutte le vittime di ogni conflitto. Per far risuonare nelle coscienze i temi della vita e della pace. L’eco arriva dal Colle di Miravalle, Rovereto, città del Trentino, dove guerra e riappacificazione tra i popoli fanno parte del storia della regione e del vissuto delle persone: “è l’unica città al mondo dove dal conflitto con i nemici austriaci si è passati presto a un rapporto di vicinanza e collaborazione”, sostiene Alberto Robol, reggente della Fondazione Opera Campana dei Caduti, cercando di spiegare la peculiarità di “uno dei più grandi simboli della vitalità e della spiritualità dell’Onu”. Nell’anno che segna il 90simo anniversario del primo suono, la Campana dei caduti di Rovereto “Maria Dolens”, sabato 24 ottobre, giorno del 70simo compleanno delle Nazioni Unite, si e’ accesa del blu dell’Organizzazione internazionale, di cui la Fondazione fa parte come membro consultivo del Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC).

Alberto Robol, reggente Fondazione Opera Campana dei Caduti

Alberto Robol, reggente Fondazione Opera Campana dei Caduti

“Non sia un giorno fatto solo di ricordi, ma uno stimolo per oggi e il domani”, ammonisce Robol per cui “i temi dell’Onu, in particolare quello della pace, sono per noi memoria viva” e identità del monumento, nato dalla fusione dello strumento di guerra per eccellenza, i cannoni delle nazioni partecipanti alla prima guerra mondiale. Sul manto della campana, dei bassorilievi riproducono la storia dei soldati ma anche delle donne e degli orfani, di chi è morto e di chi è rimasto, “entrambi protagonisti della guerra”. Voluta dal sacerdote roveretano don Antonio Rossaro come emblema di condanna dei conflitti, ritiene Robol che è proprio grazie alla Campana e al suo eco che si è creata “questa sensibilità sul territorio, che ha consegnato la cittadinanza a un rapporto di amicizia con i vicini ex-nemici”: “Sulla strada del pensiero del nostro fondatore, è tuttora simbolo di pace fondata sul perdono, sulla riconciliazione, ma anche sulla giustizia”.

Campana dei Caduti (Foto: Fondazione Opera Campana dei CAduti)

Campana dei Caduti (Foto: Fondazione Opera Campana dei Caduti)

Alle 21:30, ogni sera da 90 anni, cento rintocchi “chiudono la giornata, con il ricordo dell’altro”: “è un suono che entra dentro, fonte di grandi emozioni, poetico. Strumento di pace, momento dello spirito, veicolo importantissimo dei valori che rappresenta la Campana e l’Onu”.

E proprio in occasione del 70simo anniversario dell’Organizzazione internazionale, festeggiato appunto partecipando all’iniziativa “Turning the world #UNBlue on #UN70”, il reggente guarda al futuro dell’Onu, auspicando che abbia “maggiore incidenza sul reale negli anni a venire”. “Fin quando non si supera il nazionalismo dei singoli Paesi – soprattutto di quelli più grandi e meno sostenitori- l’Onu avrà meno capacità di rispondere ai problemi e alle crisi di oggi di quando potrebbe”. Un discorso forse “utopico, perché la pace si sposa sempre con l’utopia, ed è necessario che sia così”.

#UNblue per #UN70

#UNblue per #UN70

Ma la risonanza della Campana non è meno concreta e si fa sentire fino a New York o Strasburgo: la Fondazione è partner della “città europea della pace” e dal 2009 membro consultivo dell’Ecosoc, “una piattaforma importante per comunicare i nostri valori”. Rovereto è inoltre membro del “Club di Strasburgo”, una rete di città europee impegnate per la promozione della pace e dei diritti umani. (AS, 23 ottobre 2015, aggiornato il 24 ottobre)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. FOTO/ Spettacolo di luci da Sydney a New York: 300 siti in Blu-Onu per UN70. Italia in prima linea | OnuItalia

Comments are closed.