Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Amnesty al Pantheon con ‘matrimonio forzato’ : “stop spose bambine”

ROMA, 26 OTTOBRE – Giorgia e Paolo sposi. 10 anni lei, 45 lui: davanti al Pantheon a Roma il 26 Ottobre si è celebrato un “matrimonio forzato”, una messa in scena che accende però i riflettori su una pratica diffusa che tocca ogni anno 13,5 milioni di bambine e ragazze in tutto il mondo, 37mila ogni giorno, secondo le stime del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (Unfpa).

invito_matrimonio

La rappresentazione con abiti da cerimonia, invitati alle nozze e rito con scambio degli anelli è stata organizzata e promossa da Amnesty International Italia – di cui quest’anno ricorre il 40simo anniversario dalla fondazione – come parte della campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “Mai più spose bambine”, lanciata il 18 ottobre dall’organizzazione non governativa e in svolgimento fino al 1 novembre.

Che i matrimoni forzati rappresentino una violazione dei diritti umani di donne e bambine è stato evidenziato anche nella prima risoluzione sulla prevenzione e l’eliminazione dei matrimoni precoci e forzati, adottata dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite il 2 luglio 2015 (United Nations, General Assembly, Resolution A/HRC/29/L.15).

Le bambine spose vengono spesso isolate dalla famiglia di origine, in molti casi ripudiate, vendute a uomini più grandi di loro di cui subiscono le violenze fisiche e psicologiche o rimangono incinte già da piccole, costrette a gravidanze e parti precoci.

La rappresentazione del matrimonio forzato al Pantheon, Roma (Ph. Amnesty Giovani Roma)

La rappresentazione del matrimonio forzato al Pantheon, Roma (Ph. Amnesty Giovani Roma)

Il Bangladesh è il paese al mondo con il più alto tasso di matrimoni di bambine al di sotto dei 15 anni (Unicef). In Asia Meridionale il 46% delle spose ha meno di 18 anni. In Afghanistan, uno studio del ministero degli Affari femminili nel 2004 ha rilevato che il 57 per cento delle intervistate era stato dato in sposa prima dei 16 anni, alcune anche a soli 9 anni. In Iran l’età legale per il matrimonio è 13 anni, ma si può procedere alla cerimonia anche prima, col consenso del padre o del nonno paterno e del tribunale. In Burkina Faso una bambina può essere data in sposa già a 11 anni a un uomo più grande di lei di 30-50 anni. Ma in Yemen si sono registrati casi di bambine spose a 8 anni.

Poi c’è il caso dell’Algeria dove chi stupra una minorenne non è perseguibile penalmente se sposa la vittima, una legge abrogata in Marocco, dove pure i matrimoni forzati sono frequenti, come nel Maghreb. Le siriane rifugiate in Giordania, infine, raccontano di giordani che visitano i campi in cerca di mogli.

Per sostenere la campagna di Amnesty Italia, fino al 1 novembre è possibile inviare un sms al 45594 o chiamare lo stesso numeroda rete fissa Vodafone e TWT   (valore di 2 euro). Chiamando da rete fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb o Tiscali si potrà fare una donazione di 2/5 euro. (AS, 26 Ottobre 2015)

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts