Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Attacchi Boko Haram , Intersos in Camerun per soccorso sfollati

ROMA, 28 ottobre – Gli attacchi dei fondamentalisti di Boko Haram si susseguono in diversi paesi africani, mietendo vittime e causando la fuga per migliaia di persona. Nel Nord del Camerun sta intervendo tra gli altri l’organizzazione umanitaria Intersos, in prima linea per prestare soccorso alle popolazioni del Nord del Camerun, colpite dall’ultima offensiva.

e1062050-098f-4689-82ed-3ca4c7a709b3_medium[1]Fra mercoledì 14 e giovedì 15 ottobre, 3500 persone sfollate, che hanno perso tutto fuggendo dalle loro case a seguito degli ultimi attacchi, sono state assistite nella città di Mora, capoluogo del dipartimento del Mayo Sava, con la distribuzione di beni di prima necessità (kit igienici, zanzariere, utensili da cucina) nell’ambito delle attività programmate con il supporto della Cooperazione Italiana.

“Molte persone nell’ultimo mese hanno trovato rifugio nella zona di Mora – racconta Serena Mandara, project manager di INTERSOS in Camerun – Si tratta però di una sicurezza relativa in quanto la stessa città e la zona circostante sono diventate teatro di un’escalation di violenze nell’ultimo mese con diversi attacchi kamikaze rivendicati da Boko Haram”.

Secondo i dati delle Nazioni Unite l’offensiva Boko Haram nell’area compresa tra Nigeria, Camerun, Ciad e Niger ha costretto 2,5 milioni di persone a fuggire dalle lore case, dando vita alla più dirompente crisi di profughi interni nella storia dell’Africa.

“I nostri operatori stanno agendo con professionalità in un contesto estremamente complesso e instabile dal punto di vista della sicurezza per non lasciare sole le popolazioni civili vittime di una crescente emergenza umanitaria – afferma Giacomo Franceschini, responsabile INTERSOS per l’Africa Centrale e Occidentale – Alle conseguenze immediate degli attacchi, bisogna infatti aggiungere le ricadute nel medio – lungo periodo dell’interruzione delle attività agricole, vitali in un contesto in cui prevale un’economia di autosussistenza, e della distruzione di campi, strumenti e strutture agricole, con l’approfondirsi della crisi alimentare già in atto”.

Dall’inizio del 2015, INTERSOS ha rafforzato la sua presenza in Camerun per sostenere le persone colpite dai crescenti attacchi delle milizie Boko Haram. Per garantire la sicurezza alimentare delle famiglie sfollate e della popolazione locale che le ha accolte, la ONG di Via Aniene sta distribuendo ad oltre 38mila persone sementi e strumenti agricoli, dando protezione e supporto psicologico a donne e bambini che hanno subito violenze durante gli attacchi e la fugar distribuendo beni di prima necessità come tende, coperte, zanzariere, taniche per l’acqua. (MNT,  28 ottobre  2015)

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts