Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

EXPO, il padiglione della Santa Sede rivivrà in una parrocchia di Milano

Il padiglione del Vaticano. (OLIVIER MORIN/AFP/Getty Images)

MILANO, 2 NOVEMBRE (di Francesca Morandi) – Andranno a una parrocchia di Milano gli arredi e gli allestimenti interni del padiglione della Santa Sede a Expo.  L’arazzo di Rubens tornerà al Museo Diocesano di Ancona ma le iniziative avviate dalla Chiesa a Expo proseguiranno.  Oltre a “Refettorio Ambrosiano” continuerà la “Cena Sospesa”, con una campagna di comunicazione che la rilancerà. Una nuova utilità è prevista anche per l’Edicola Caritas a Expo, che sarà smontata per rivivere altrove, sempre come percorso tematico sulla condivisione. L’opera “Energia”, che è stata in mostra nel padiglione Caritas, tornerà al Museo Vostell a Malpartida in Spagna, mentre i filoni di pane, avvolti nei giornali, che cingono la Cadillac posizionata nell’Edicola, saranno messi all’asta su Ebay come gadget-ricordo per finanziare il “Refettorio”.

Il “Refettorio Ambrosiano”, grazie allo chef Massimo Bottura e agli altri cuochi d’eccellenza che hanno partecipato al progetto durante Expo, ha trasformato le eccedenze alimentari prodotte dal sito espositivo in cibo di qualità per le persone in stato di bisogno, recuperando complessivamente 15 tonnellate. Con “Cena Sospesa”, invece, le donazioni dei clienti raccolte nei 28 ristoranti di Milano che hanno aderito all’iniziativa hanno permesso alla Caritas Ambrosiana di distribuire in un mese 1.300 buoni pasto da 5 euro a persone colpite dalla crisi economica e impegnate in corsi di riqualificazione professionale.

santa sede expo

L’interno del padiglione del Vaticano (Foto France Press)

La presenza della Chiesa all’esposizione universale si è conclusa sabato scorso con un incontro a Expo, al quale ha partecipato l’arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola. Le presenze nei padiglioni della Chiesa a Expo Milano 2015 sono state due milioni: 1,8milioni gli ingressi al padiglione della Santa Sede e 250 mila hanno varcato la soglia dell’Edicola Caritas. Seguendo le indicazioni di Papa Francesco all’interno del padiglione della Santa Sede è stata promossa una raccolta fondi per sostenere soprattutto le donne e i bambini presenti nei campi profughi dell’area mediorientale: grazie alla generosità dei visitatori sono stati raccolti 150 mila euro.

Il padiglione del Vaticano, il cui commissario generale è stato il cardinale Gianfranco Ravasi e vicecommissari monsignor Pasquale Iacobone e Luciano Gualzetti, ha sviluppato il doppio significato del cibo come nutrimento materiale e spirituale dell’uomo. I visitatori sono stati accolti da una parete di immagini che hanno illustrato le ferite dell’umanità: fame, conflitti ed esclusione, per quella che papa Francesco ha definito la “globalizzazione dell’indifferenza”.  Sulla parete opposta scorrevano le immagini di tre video che hanno descritto tre iniziative di solidarietà già in atto della Chiesa cattolica nel mondo: in Burkina Faso, in Ecuador e a Erbil, nel Kurdistan iracheno. Al centro, il tavolo interattivo che ha spinto il visitatore a riflettere sul senso della condivisione. All’interno del padiglione anche un’opera d’arte: l’Ultima Cena di Tintoretto fino a fine luglio, sostituita poi dall’arazzo con l’Istituzione dell’Eucaristia di Rubens.

Nel corso dei sei mesi dell’esposizione universale, il padiglione ha organizzato 12 eventi culturali, alla presenza dei massimi esponenti della comunità ecclesiale, delle istituzioni nazionali e del mondo scientifico. Nel padiglione non si è svolta alcuna attività commerciale, né si sono venduti cibi o bevande. Sono invece 10mila le copie diffuse, con il corrispettivo di un’offerta, dell’Enciclica “Laudato Si'” di Papa Francesco in italiano, inglese, francese, tedesco e spagnolo. (FM, 2 novembre 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts