Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

FOTO / Una settimana all’Onu: storie di rifugiati, ex condannati e apolidi

Ban Ki moon in visita alla mostra

This slideshow requires JavaScript.

NEW YORK – Il 4 novembre, la direttrice di ONUITALIA Alessandra Baldini ha mostrato al segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon e al rappresentante permanente dell’Italia presso le Nazioni Unite, l’ambasciatore Sebastiano Cardi, una lettera scritta nel 1947 da una famiglia di rifugiati a Grugliasco, Torino, per chiedere alle Nazioni Unite di appoggiarli nel tentativo di trasferirsi negli Stati Uniti. L’occasione è stata la cerimonia di apertura di due mostre fotografiche – “The United Nations at 70: Moments and Milestones” (col sostegno della rappresentanza permanente d’Italia) e “UN Headquarters: A Workshop for Peace”.

Quattro proposte concrete per porre fine apolidia nel 2024 sono stati lanciati come parte della campagna #Ibelong dall’Alto Commissario per i Rifugiati António Guterres nel corso di un seminario organizzato dall’UNHCR con le Missioni permanenti di Brasile, Costa d’Avorio, Germania, Italia e Thailandia . “Grazie, UNHCR e Georgia, per questo mio primo documento di viaggio. Lo tengo in mano come un trofeo, mi sento un vincitore”, ha detto il 19enne Jirair, stringendo la mano di Guterres, dopo aver raccontato la sua storia da non-cittadino.

Dal palco della libreria delle Nazioni Unite, Kirk Bloodsworth, la prima persona negli Stati Uniti ad essere esonerata dal pena di morte grazie alla prova del DNA, ha raccontato la sua drammatica esperienza di cittadino ingiustamente condannato. “Kirk Bloodsworth è vivo per miracolo, ma non possiamo contare sui miracoli. Bisogna abolire la pena di morte”, ha aggiunto Ban Ki-moon, mentre Cardi ha dichiarato che l’Italia “continuerà la campagna per la dignità umana “.

Pochi minuti prima del lancio del libro “Moving Away from the Death penalty: Arguments, Trends and Perspectives”, pubblicato grazie al sostegno finanziario del governo italiano e con un capitolo firmato da Renzi, il Segretario Generale dell’ONU ha salutato una classe di bambini, in visita al quartier generale delle Nazioni Unite e in attesa di incontrare il capo dell’Organizzazione. (AS 7 novembre 2015).

The following two tabs change content below.

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts