Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Iraq: Onu, lotta al terrorismo non sia alibi per violare i diritti umani

NEW YORK, 9 novembre –  Che la lotta al terrorismo internazionale non diventi un’occasione per violare i diritti fondamentali: il Consiglio per i diritti umani dell’Onu ha accusato l’Iraq di violare i diritti dei propri cittadini in nome di una generica  guerra al terrorismo. esterne291417352905142103_big[1]

L’Iraq è uno dei sette paesi esaminati dal Consiglio che monitora l’applicazione da parte degli stati aderenti al Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici. Il Consiglio di 18 esperti indipendenti ha riconosciuto la necessità dell’Iraq di adottare misure per combattere gli atti di terrorismo. Questo, in particolare, alla luce dei gravi crimini commessi dal cosiddetto Stato Islamico, tra cui omicidi, rapimenti, stupri, riduzioni in schiavitù e torture. Tuttavia il Consiglio ha affermato che questi atti orribili non giustificano le violazioni dei diritti umani commessi contro civili da parte delle forze di sicurezza irachene e da gruppi armati alleati, nei loro sforzi per sconfiggere lo Stato Islamico.

Il vice-presidente del Consiglio Diritti Umani, Yuji Iwasawa, ha detto che gli esperti sono preoccupati dalle notizie secondo cui la polizia spesso utilizza la tortura per estorcere confessioni di persone sospettate di terrorismo e altri crimini. “Le confessioni ottenute sotto coercizione vengono usate come prova in tribunale per cui molte donne private della libertà vengono stuprate e aggredite sessualmente, inoltre molte morti in carcere sono il risultato della tortura”, ha detto Iwasawa. L’organismo ONU ha invitato l’Iraq a prendere in considerazione l’abolizione della pena di morte, che giudica troppo utilizzata e non soddisfacente gli standard internazionali secondo cui la pena capitale può essere utilizzata solo per i “crimini più gravi”. Il Consiglio prende atto che 240 persone sono state giustiziate in Iraq negli ultimi due anni e che più di 1.700 persone si trovano nel bracci della morte.

(MNT,  9 novembre 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts