Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

I cambiamenti climatici raddoppiano le migrazioni: oltre 36 milioni nel 2015

MILANO, 18 NOVEMBRE – A poche settimane dalla Conferenza di Parigi 2015 sul clima (COP21), giungono altri dati allarmanti sugli effetti dei cambiamenti climatici che nel 2015 hanno provocato lo spostamento di  oltre 36 milioni di persone nel mondo.  E’ quanto osserva Avvenia, uno dei maggiori player italiani nell’ambito dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale. Le alluvioni, la siccità e gli altri eventi metereologici estremi di quest’ultimo anno hanno infatti portato ad un incremento del +100% del numero di migranti rispetto alla media dei 5 anni precedenti.

“Molti tra coloro che ora bussano alle porte del nostro Paese e dell’Europa sono profughi climatici e ambientali”, commenta l’ingegner Giovanni Campaniello, fondatore e amministratore unico di Avvenia, secondo il quale “urge adottare maggiori programmi di efficientamento energetico nei Paesi più industrializzati per diminuire drasticamente le emissioni di gas climalteranti in atmosfera e risolvere almeno in parte il problema dell’inquinamento e così anche quello delle migrazioni”.

Eventi come l’aumento delle temperature, l’innalzamento del livello dei mari causato dalla fusione dei ghiacciai o il cambiamento della frequenza e dell’intensità delle piogge, secondo le osservazioni di Avvenia, porteranno inoltre ad una maggiore competizione per il controllo e l’utilizzo delle risorse naturali tra le popolazioni dei Paesi in via di sviluppo, causando conflitti e un ulteriore aumento delle migrazioni. L’analisi condotta da Avvenia conferma anche come i cambiamenti climatici stiano avvenendo con una velocità ed un’intensità maggiore di quanto si potesse prevedere negli anni precedenti e gli effetti per quanto riguarda il fenomeno delle migrazioni sono già evidenti anche in Italia.

“Se non faremo nulla per limitare i cambiamenti climatici, dovremo attenderci migrazioni sempre più numerose”, aggiunge Giovanni Campaniello. Entro il 2050, se non si implementeranno adeguate politiche di efficientamento energetico, secondo le stime di Avvenia si potrebbero superare i 200 milioni di “rifugiati climatici”. (@onuitalia, 18 novembre 2015)

The following two tabs change content below.

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l’agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all’Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Francesca Morandi

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l'agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all'Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce. Contact: Website | More Posts