Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Africa sub-sahariana, Comitato Collaborazione Medica: pronti a formare 2.700 operatori sanitari entro il 2020

NEW YORK/TORINO, 20 NOVEMBRE 2015 – Nella giornata mondiale che segna il 26simo annivesario dell’adozione della convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza – quest’anno dedicata ai bambini “privati della loro libertà”, come ricorda il Segretario Generale dell’Onu Ban Ki-moon -, il dibattito su come dare un futuro ai neonati (e alle loro mamme) va avanti.

Assistere 170.000 donne durante il parto e la gravidanza; vaccinare e curare 780.000 bambini: sono gli obiettivi per il prossimo quinquennio del Comitato Collaborazione Medica (CCM), l’organizzazione non governativa che dal 2011 attraverso la Campagna Sorrisi di madre africane, mira a contrastare la mortalità materna e infantile nell’Africa sub-sahariana.

africaLì perdere la vita durante la gravidanza o il parto avviene una volta su 38, 1 su 18 in Somalia, contro la media europea di 1 ogni 3700. Ma per il CMM che negli ultimi cinque anni tra Burundi, Etiopia, Kenya, Somalia e Sud Sudan ha vaccinato e curato quasi 611mila bambini, assistito 127mila donne, e istruito 1902 operatori in ostetricia e pediatria, molti dei decessi potrebbero essere evitati con la formazione.

“L’obiettivo principale che Sorrisi di madri africane vuole raggiungere nei prossimi cinque anni è formare 2.700 operatori sanitari attraverso percorsi didattici e affiancamento, organizzati con il supporto dei nostri volontari italiani – medici, ostetriche, laboratoristi e altri professionisti del settore -, e favorendo il task-shifting”, ha affermato Filippo Spagnuolo, direttore del CCM, insistendo sul “bisogno di sostegno e sinergie” per portare a casa i risultati auspicati.

“La sanità è tradizionalmente una delle aree prioritarie della cooperazione allo sviluppo italiana; lo stesso vale per l’Africa sub-sahariana, regione che comprende 9 dei 20 Paesi considerati prioritari per la Cooperazione italiana” ha dichiarato Antonino Cascio, Capo Ufficio VII – Cooperazione allo sviluppo e società civile, organizzazioni non governative e volontariato DGCS Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale. “Nel 2014, più di un quinto delle risorse impegnate e più di un quarto delle risorse erogate dalla DGCS sono state destinate all’Africa sub-sahariana”.

Collaborazioni sono in corso anche con FAI Fondation Assistance International, ASLTO2 e DiatechLabLine. Online è possibile firmare la petizione del CCM per la salute di mamme e bambini. (@annaaserafini, 11 novembre 2015)

The following two tabs change content below.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts