Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

GALLERY / Una settimana all’Onu: anti-terrorismo, COP21, Africa e Italia

This slideshow requires JavaScript.

NEW YORK, 21 NOVEMBRE 2015 – A una settimana dagli attentati terroristici di Parigi, il 20 novembre il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato all’unanimità la risoluzione proposta dalla Francia che invita tutti gli Stati membri ad utilizzare “tutte le misure necessarie” contro lo Stato Islamico. Tre caschi blu impegnati nella missione Unifil sono stati al centro di un agguato da parte di uomini armati nel sud del Libano, ma nessuno è rimasto ferito e nessun elemento lascia pensare a legami con Isis. Nonostante “gli attacchi a Parigi stiano influenzando i preparativi e le attività previste per COP21“, oltre 120 capi di Stato e di governo hanno ribadito che parteciperanno alla conferenza, ha dichiarato Assistente del Segretario Generale dell’Onu per il cambiamento climatico Janos Pasztor, esprimendo “ottimismo” per l’esito della conferenza: “Lo scenario attuale è diverso da quello di Copenaghen”.

Questa settimana all’Assemblea generale dibattito sulle migrazioni nel Mediterraneo con un focus speciale sui rifugiati dalla Siria. “Alla migrazione dovrebbe essere data la massima priorità tra i nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile e le loro modalità di attuazione”, ha detto vice Rappresentante permanente dell’Italia all’Onu Inigo Lambertini, sostenendo che migranti e rifugiati sono essenziali per lo sviluppo dei paesi sia di origine sia di destinazione che l’equazione “migranti uguale terroristi” non ha ragion d’essere.

La cooperazione globale investe soltanto tra l’1 e il 2 per cento dei finanziamenti disponibili per i progetti di inclusione per persone disabili, ma il contributo dell’Italia raggiunge il 2,5%: “La cooperazione italiana è generosa“, ha concluso Daniela Bas, Direttore della Divisione per le Politiche Sociali e di Sviluppo di UN DESA. Recentemente, una sala operatoria è stato inaugurata in Sud Sudan con il sostegno della Cooperazione. Inoltre, gli studenti provenienti da Lesotho, Liberia, Madagascar, Namibia, Sudafrica e Tanzania potranno frequentaare una delle migliori scuole di Architettura e Design in Italia, il Politecnico di Milano, grazie a delle borse di studio messe a disposizione dal Ministero degli Affari Esteri italiano per l’anno accademico 2016-2017. Ma l’Africa  lascia anche un segno della sua bellezza e maestosità nel Palazzo di Vetro. Riflettori in particolare accesi sull’Etiopia, che dà il nome alla mostra d’arte del fotografo Marco Paoli, presentata dalle Missioni Permanenti d’Italia e l’Etiopia: “Racconto la bellezza e la rinascita”, ha detto l’artista.

L’Italia splende. E’ stata portata a termine la pulizia di Sfera nella Sfera, il dono del paese alle Nazioni Unite, che fa così ritorno alla sua luce originale. Inoltre, il 18 novembre l’Assemblea generale dell’ONU ha eletto per acclamazione Filippo Grandi come il nuovo Commissario per i rifugiati, per un periodo di cinque anni. Il Segretario Generale dell’Onu Ban Ki moon ha nominato il generale italiano Paolo Serra, già comandante della missione UNIFIL in Libano, “senior advisor” del nuovo Rappresentante Speciale dell’Onu Martin Kobler “per le questioni di sicurezza relative al dialogo in Libia”. L’Italiano Luca Alinovi, già capo dell’Ufficio FAO in Somalia e rappresentante dell’organizzazione Onu per l’Alimentazione e l’agricoltura in Kenya, è il nuovo direttore esecutivo di Global Resilience Partnership (GRP).

Nel quadro della campagna di UN Women contro la violenza sulle donne e della iniziativa #OrangeTheWorld, Maschio Angioino, il castello che domina piazza Municipio a Napoli, e la fontana di piazza Vittorio Veneto, Pinerolo, si accenderanno di arancione dal 25 novembre. (@annaaserafini)

The following two tabs change content below.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts