Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

EXPO Milano esempio di anti-spreco e tutela ambiente, spicca Cascina Triulza

MILANO – Diciannove tonnellate di cibo recuperato, 70% di raccolta differenziata con un risparmio di 252 tonnellate di CO2, di 2,7 milioni di kWh di energia elettrica e di oltre 31.000 metri cubi di acqua. Sono alcuni dati del Rapporto di Sostenibilità di Expo Milano 2015 relativo ai risultati raggiunti sotto il profilo economico, sociale e ambientale. Ideato dal ministero dell’Ambiente, il progetto “Towards a Sustainable Expo”, il primo nelle esposizioni universali, si è focalizzato su: architettura sostenibile in relazione ai progetti dei padiglioni e delle aree espositive; sostenibilità del cibo offerto dal servizio di ristorazione o di catering; applicazione di criteri di “green procurement” per allestimenti, imballaggi e merchandising; altre iniziative o progetti particolari su temi ambientali e di sostenibilità. I risultati sono finalizzati a diffondere tecnologie innovative, “best pratices”, idee e progetti originali, come legacy per il futuro. L’ultima pubblicazione sulla Sostenibilità di Expo Milano 2015, intitolata “Il Mosaico della Sostenibilità” ha seguito una logica di rendicontazione focalizzata sulle azioni realizzate e gli indicatori più rilevanti, come il recupero di cibo, la gestione dei rifiuti, l’accessibilità, la mobilità, l’inventario delle emissioni di CO2, il sistema di gestione ambientale, la comunicazione ed i progetti speciali.

In coerenza con il tema dell’esposizione, grande attenzione è stata data alla prevenzione dello spreco alimentare. La raccolta effettuata da Bancoalimentare, con il supporto di Fondazione Triulza. Sono stati contattati oltre 130 punti di ristorazione e oltre 15 sono diventati donatori stabili, 87 si sono resi disponibili in caso di eccedenze. Al 15 settembre, con 27 recuperi, sono state raccolte 19 tonnellate di cibo che, con un valore medio di 2,7 euro al kg attribuito secondo la tipologia di prodotto recuperato, corrispondono a un valore economico complessivo di oltre 51.000 euro. Le strutture caritative raggiunte dal progetto sono state 14. I quantitativi potrebbero non sembrare elevati per i bisogni delle fasce più deboli ma è un buon risultato in termini di lotta allo spreco anche perché gli stessi ristoratori si sono organizzati al meglio, cercando di ottimizzare acquisti e logistica di approvvigionamento.

Nei sei mesi di Expo è stato raggiunto un altro importante obiettivo: il 70% di raccolta differenziata in agosto e settembre (66% il valore medio cumulativo dal 1° maggio al 15 settembre) all’interno del Sito Espositivo, un valore superiore a quello della Città di Milano (54%) e a quello stabilito dagli obiettivi europei (65%). La raccolta differenziata ha permesso di inviare a riciclo oltre 2.800 tonnellate di rifiuti nei primi 140 giorni di Expo Milano 2015, che hanno consentito un risparmio di 252 tonnellate di CO2, di 2,7 milioni di kWh di energia elettrica e di oltre 31.000 metri cubi di acqua. Tra i progetti di successo spicca Cascina Triulza, edificio permanente collocato all’interno del sito espositivo, che era una tradizionale costruzione rurale lombarda di fine ‘800, dedicata in origine ad ospitare la vita e le attività degli agricoltori. È stata ristrutturata con criteri di sostenibilità raggiungendo la certificazione di livello “platinum” e, rispetto ad un edificio tradizionale delle medesime dimensioni con impianti e apparecchiature standard, ottenendo, fra l’altro, un risparmio del 50% di acqua per gli scarichi reflui e la copertura del 64% del fabbisogno di energia elettrica potenzialmente fornito da un impianto fotovoltaico. (@onuitalia, 23 novembre 2015)

The following two tabs change content below.

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l’agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all’Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Francesca Morandi

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l'agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all'Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce. Contact: Website | More Posts

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. EXPO Milano esempio di anti-spreco e tutela ambiente, spicca … – OnuItalia | Scienza degli Alimenti

Comments are closed.