Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Save the Children, 50mila casi di bambini minacciati per ritorsione contro madre

ROMA, 25 NOVEMBRE – I due terzi dei figli delle donne che subiscono soprusi hanno assistito a questi episodi e in 1 caso su 4 ne sono stati direttamente coinvolti. Nel 2014 sono stati 50mila i casi dei bambini diventati essi stessi oggetto di gravi minacce da parte di partner aggressivi e violenti, come forma di ritorsione contro le madri. Lo denuncia l’organizzazione Save the Children nella giornata Giornata internazionale per il contrasto alla violenza sulle donne, in programma per oggi. “Anche questi bambini sono vittime di quelle violenze ed è fondamentale proteggerli e tutelarli da ogni forma di maltrattamento, che in questi casi è soprattutto una violenza psicologica”, afferma Raffaela Milano, direttore dei Programmi Italia –Europa di Save the Children che, alla vigilia della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, invita a prestare maggiore attenzione anche al tema della “violenza assistita” da parte dei figli delle vittime. “Le violenze sulle donne, quando sono madri, colpisce anche i bambini che assistono agli episodi di maltrattamento, lasciando su di loro tracce indelebili”, ricorda Raffaela Milano. “La violenza familiare è anche la più silenziosa, quella più difficile da raccontare, che viene spesso spesso negata dalle stesse vittime. Vi sono donne che non si allontanano dal partner violento spesso proprio per non turbare la serenità dei figli, senza considerare che questa serenità è di fatto già gravemente compromessa. I bambini non sono mai semplici spettatori e spesso queste situazioni familiari hanno su di loro un impatto drammatico sia di tipo fisico e psicologico che morale, con ripercussioni che possono durare tutta la vita”.

Tra i bambini che assistono alla violenza del padre sulla madre sale anche la probabilità di divenire in seguito partner violenti (dal 5,2% al 22% i maschi adulti violenti). Le situazioni di forte violenza all’interno del contesto familiare generano conseguenze molto gravi anche nella capacità da parte delle madri di rapportarsi con i figli: il 15% delle donne vittime di violenza dichiara infatti di avere difficoltà nell’educazione dei propri ragazzi. (@francesmorandi, 25 novembre 2015)

The following two tabs change content below.

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l’agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all’Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Francesca Morandi

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l'agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all'Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce. Contact: Website | More Posts