Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Da Barilla a Poste italiane, 200 imprese italiane in campo a difesa del clima

Two Adelie penguins stand atop a block of melting ice on a rocky shoreline at Cape Denison, Commonwealth Bay, in East Antarctica January 1, 2010. Russia and the Ukraine on November 1, 2013 again scuttled plans to create the world's largest ocean sanctuary in Antarctica, pristine waters rich in energy and species such as whales, penguins and vast stocks of fish, an environmentalist group said. The Commission for the Conservation of Antarctic Marine Living Resources wound up a week-long meeting in Hobart, Australia, considering proposals for two "marine protected areas" aimed at conserving the ocean wilderness from fishing, drilling for oil and other industrial interests. Picture taken January 1, 2010. To match story ANTARCTIC-ENVIRONMENT/ REUTERS/Pauline Askin (ANTARCTICA - Tags: ENVIRONMENT POLITICS ANIMALS) - RTX14WAT

ROMA, 26 NOVEMBRE – In vista della conferenza internazionale di Parigi (COP21), 200 imprese italiane lanciano un appello a difesa del clima.  Redatto dal Consiglio Nazionale della Green Economy, formato da 64 organizzazioni di imprese green, il documento è stato consegnato ieri a Roma al ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. Tra le tante firme, anche quelle di aziende come Poste Italiane, Barilla, Terna, Gse, Carlsberg, BioChemtex, Ferrovie dello Stato, ERG Renew, Novamont, Philips Italia, Unilever Italia e L’Oréal Italia.

L’appello invita a impegni vincolati da parte dei governi che si riuniranno lunedì a Parigi, ma propone anche molteplici idee finalizzate al raffreddamento del clima. Le proposte spaziano da una riforma fiscale che contenga una carbon tax a gettito invariato all’incentivazione di interventi di efficienza energetica, dalla crescita delle rinnovabili al sostegno dell’agricoltura sostenibile. “Questo appello di un gruppo importante di imprese italiane è la conferma che la sfida climatica non è più solo un tema per ristrette minoranze, ma coinvolge ormai la consapevolezza e un ruolo attivo anche nel mondo delle imprese”, ha detto sapere Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile, che supporta le attività del Consiglio Nazionale della Green Economy. (@francesmorandi, 26 novembre 2015)

The following two tabs change content below.

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l’agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all’Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Francesca Morandi

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l'agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all'Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce. Contact: Website | More Posts