Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

COP21: Place de Republique, scarpe Papa e Ban con Avaaz ma anche scontri

Le scarpe con il nome del Papa

PARIGI, 29 OTTOBRE – Le scarpe da jogging di Ban Ki moon e quelle deposte “in nome del Papa”: migliaia di scarpe occupano oggi Place de la Republique a Parigi in un simbolico “marciamo per chi non può marciare” in difesa del clima dopo il divieto dei cortei nella capitale francese per motivi di sicurezza in seguito agli attentati del 13 novembre.

Le scarpe di Ban Ki moon

Le scarpe di Ban Ki moon

Papa Francesco ha accettato che un paio di scarpe che portano il suo nome e la scritta “Laudato Si” dal titolo dell’enciclica sull’ambiente si uniscano alle migliaia donate da parigini comuni e gente famosa – tra questi l’attrice Marion Cotillard – dopo la cancellazione della manifestazione che doveva unirsi alle oltre 2.300 in tutto il globo alla vigilia della conferenza COP 21. Le scarpe sono poi state donate a una ONG che lavora con rifugiati dalla Siria.

Scontri tra un corteo e polizia

Scontri tra un corteo e polizia

L’installazione, così come la marcia globale, era stata organizzata attraverso la rete di cittadini Avaaz dopo il divieto della polizia. Cio’ nonostante c’e’ stato un corteo non autorizzato che si e’ scontrato con le forze dell’ordine proprio nell’area della piazza diventata il luogo dell’omaggio alle vittime degli attentati.

La piazza dopo gli scontri

La piazza dopo gli scontri

Sono stati tirati sassi contro gli agenti che hanno risposto con il lancio di spray urticante. Un centinaio i fermati.

La Marcia delle Scarpe a Parigi

La Marcia delle Scarpe a Parigi

La “marcia delle scarpe” in Place de la Republique ha avuto il sostegno del Global Catholic Climate Movemente altri leader religiosi come il Cardinale Cláudio Hummes, presidente della rete di Chiese Pan_Amazzoniche REPAM, e il Cardinale Peter Turkson, presidente del Consiglio Pontificio per la Giustizia e la Pace hanno donato le loro scarpe alla manifestazione.

La conferenza sul clima si apre domani a Parigi con la giornata dei capi di Stato e di governo: sono attesi leader di quasi 150 Paesi, per l’Italia Matteo Renzi con il ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti. Oggi Ban ha incontrato il presidente francese Francois  Hollande: un mancato accordo, hanno concordato, sarebbe “catastrofico” per il Pianeta. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

2 Trackbacks & Pingbacks

  1. COP21: Ban “ragionevolmente ottimista”, target da rivedere prima 2020 | OnuItalia
  2. Avaaz: “Adesioni record alla marcia sul clima. Proseguiamo pressione su leader” | OnuItalia

Comments are closed.