Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

COESPU Vicenza: 10 anni di eccellenza formazione peacekeepers

Coespu Headquarters in Vicenza

VICENZA, 2 DICEMBRE – Dal 2005 a oggi ha formato più di 8mila donne e uomini di Gendarmerie e Polizie provenienti da 97 differenti nazioni di cui circa 6mila provenienti dai 35 Paesi riconducibili ai corsi svolti nell’ambito del progetto Global Peace Operations Initiative. Ha compiuto dieci anni il Centro di Eccellenza per le Stability Police Units dell’Arma dei Carabinieri (COESPU) di Vicenza e l’anniversario e’ stato celebrato alla presenza del comandante generale dell’Arma Tullio Del Sette, rappresentanti ONU, OSCE, UE, Unione africana, l’ambasciatore Usa in Italia, John R. Phillips e una delegazione del Dipartimento di Stato e del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Il Centro trae origine dagli impegni assunti dall’Italia al G8 di Sea Island del 2004, con l’adozione del Piano d’Azione finalizzato ad “estendere la capacita’ globale per le operazioni di supporto alla pace”. Promosso dall’Italia con il contributo degli Stati Uniti, nel corso degli ultimi anni il Centro si e’ distinto nel settore formativo del peacekeeping attraverso lo svolgimento di corsi e mentoring di alta formazione, in Italia e all’estero.

“L’Italia è protagonista nelle operazioni di peacekeeping, accanto agli altri partner insieme agli Usa, ed è attiva nel mondo come in Afghanistan, in Libano, in Iraq”, ha detto l’ambasciatore americano Phillips. In un momento molto difficile per la sicurezza internazionale, “gli Stati Uniti ‘dipendono’ dall’Italia per i suoi carabinieri, forza che noi non abbiamo, i quali riescono ad addestrare in maniera eccellente le polizie del mondo”, ha aggiunto l’inviato di Barack Obama a margine della manifestazione.

“Abbiamo un importante ruolo formativo nelle altre forze di polizia, con le altre forze di polizia, anche nel contrastare il terrorismo, nel prevenire gli attentati terroristici, ma lavoriamo in sintonia sul piano della polizia giudiziaria un po’ con tutte le forze dell’ordine”, ha detto il Generale Del Sette ricordando che “il coordinamento in Italia è un modello assolutamente straordinario rispetto agli altri paesi, non solo come concezione, non solo come ordinamento, ma anche come reale funzionamento. E questo credo che sia un modello che potremo esportare”.

Diplomati Coespu

Diplomati Coespu

Il COESPU e’ presente, oltre che Iraq, Afghanistan e Libano, anche in Palestina, in Gibuti per la Somalia. “Stimo lavorando ,per i paesi dell’Africa settentrionale e per quasi tutti i paesi del Medioriente e di recente – ha detto il Comandante dell’Arma – stiamo portando avanti in Turchia un progetto europeo per la condivisione di modalità di addestramento nel settore dell’ordine pubblico. E’ la Turchia che ha scelto, dopo aver approfondito le competenze, proprio l’ Arma dei carabinieri per sviluppare il progetto che sarà realizzato in quel paese”.

Ha partecipato alla cerimonia il presidente del Veneto, Luca Zaia: “Gli 8.000 uomini di 97 nazioni formati al peacekeeping in questi 10 anni di attività sanciscono il successo dell’impegno assunto nel 2004 dall’Italia nel G8, con l’unico obiettivo di preparare i militari ad una pace durevole e a progetti spesso pericolosi, che possono costare la vita, ma vocati ad una missione altissima ed essenziale tanto più oggi, con i nuovi fondamentalismi e la gestione della ricostruzione dopo guerre e crisi”. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts