Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Siria: a gennaio Roma ospiterà una riunione della coalizione internazionale anti ISIS

Italian Foreign Minister Paolo Gentiloni (L) meets United Nations Special Envoy for Syria Staffan de Mistura (R) at Farnesina Palace in Rome, Italy, 07 December 2015. ANSA/FABIO CAMPANA

ROMA, 7 dicembre – Un incontro della coalizione internazionale anti-Isis sarà ospitato a Roma nella seconda metà di gennaio per discutere dell’intensificazione dell’attività anti Isis (o Daesh). Lo ha annunciato il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, in una conferenza stampa con l’inviato speciale dell’Onu per la Siria, Staffan de Mistura con il quale si è incontrato oggi.

Nella conferenza della coalizione internazionale a Roma, ha precisato Gentiloni, si discuterà delle strategie “anti-Daesh senza automaticamente avere nostalgia dell’idea che migliaia e migliaia di soldati sul terreno risolvano le crisi”.

1464325[1]

Rispondendo a una domanda a proposito delle dichiarazioni del presidente americano Barack Obama sull’intenzione di non inviare truppe di terra in Siria, Gentiloni ha dichiarato: “Questo non significa che gli USA non vogliano intensificare le attività di contrasto a Daesh, lo stanno facendo e se ne discuterà a Roma nella riunione della coalizione anti-Daesh che si riunirà tra un mese e mezzo”.

Il ministro ha poi sottolineato che “serve una coalizione più unita, capace di contrastare Daesh anche a livello finanziario”.

Per la Siria “non si vince se non si promuove una soluzione politica”, ha detto de Mistura.  Secondo il diplomatico italo-svedese impegnato da luglio 2014 nel negoziato, è il processo avviato con i due summit internazionali di Vienna sulla Siria a dover portare a “un isolamento dello Stato islamico”. Forse, ha aggiunto de Mistura con una battuta, “non ci sarà la luce alla fine, ma almeno ora abbiamo un tunnel”.

In questo percorso, “le Nazioni Unite contano sul sostegno dell’Italia” e, allo stesso tempo, “apprezzano il lavoro degli Stati Uniti e della Russia” a favore di una soluzione condivisa, ha detto de Mistura osservando come“tre mesi fa sarebbe stato difficile immaginare Usa e Russia lavorare nella stessa direzione”, così come altrettanto inimmaginabile sarebbe stato vedere “paesi come Arabia Saudita, Qatar e Iran seduti allo stesso tavolo”. Le difficoltà del processo negoziali restano, ha ammesso de Mistura, ma “siamo determinati a utilizzare la finestra apertasi con Vienna”.

(MNT, 7 dicembre 2015)


 

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts