Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Lingua, cinema e musica: tra Italia e Giordania le relazioni passano per la cultura

ROMA, 10 dicembre – Passano attraverso la cultura le relazioni tra l’Italia e la Giordania e nel paese arabo decollano la promozione della lingua e della cultura italiane grazie soprattutto all’ambasciata italiana ad Amman. Negli ultimi mesi, la sede diplomatica è stata impegnata a organizzare un ampio programma di eventi, che vanno dalla musica al cinema, passando per l’archeologia.

Roma, 31 ottobre 2007. La Sacher Distribuzione di Nanni Moretti distribuisce il film israeliano 'Meduse' dei registi Shira Geffen ed Etgar Keret.

Hanno riscosso un grande successo gli “Italian Film Days”, in programma dal 30 novembre al 3 dicembre nella capitale giordana. Giunta alla seconda edizione, la rassegna cinematografica è promossa congiuntamente alla Royal Film Commission ed e’ stata inaugurata dal film “Mia Madre” di Nanni Moretti. Nei giorni successivi sono stati presentati “Se Dio Vuole” di Edoardo Falcone e il pluripremiato “Il Capitale Umano” di Paolo Virzi’. In chiusura, il documentario “Torn – Strappati”, prodotto da Alessandro Gassman in collaborazione con l’Unhcr, che racconta i sogni e le speranze di alcuni artisti siriani rifugiati in Libano e in Giordania. Alla proiezione ha fatto seguito un dibattito, in cui e’ intervenuto il rappresentante dell’Alto commissariato in Giordania Andrew Harper.

Paolo-Virzi[1]Gli “Italian Film Days” concludono una serie di iniziative culturali cominciate il 12 ottobre con la quindicesima Settimana della Lingua e della Cultura Italiana nel Mondo, nel corso della quale Stefano Anastasio (Soprintendenza Archeologia della Toscana) e il professor Guido Vannini dell’Universita’ di Firenze hanno tenuto un seminario presso la University of Jordan sulle prime missioni archeologiche italiane nel paese mediorientale. Il violinista Domenico Nordio si e’ poi esibito ad Amman con “Le Quattro Stagioni” di Vivaldi e la “Sinfonia n. 5” di Beethoven, accompagnato dall’Orchestra Nazionale Giordana. Il maestro Antonio Galanti ha suonato invece il primo organo a canne della Giordania, proponendo brani italiani dal diciassettesimo al diciannovesimo secolo. Un “Itinerario nella storia della musica italiana” si è tenuto alla Società Dante Alighieri, che hanno presentato testi in lingua originale, le arie e le canzoni più celebri.

Particolarmente solenne è stato il lancio della Fase II del Progetto di stabilizzazione del Siq di Petra, finanziato dalla Cooperazione Italiana allo Sviluppo e realizzato dall’Ufficio Unesco di Amman.

(MNT, 10 dicembre  2015)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts