Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Descalzi: l’Italia lavora silenziosamente per stabilizzare Libia

Claudio Descalzi, Ad di ENI

ROMA, 9 DICEMBRE – Grazie all’Italia i leader mondiali a Roma discuteranno per trovare soluzioni in Libia. Lo afferma Claudio Descalzi, amministratore delegato di ENI in un’intervista apparsa sul Corriere della sera, precisando che “negli ultimi due anni si è fatto molto più di quanto sia apparso: eravamo da soli a parlare della necessità di stabilizzare la Libia per stabilizzare il Medio Oriente e persino l’Africa”.

“Il premier Renzi e il ministro Gentiloni sono riusciti a far capire che per stabilizzare Siria e Iraq è necessario che ciò avvenga anche con la Libia e viceversa. Non era così scontato”, ha detto ancora l’Ad del “cane a sei zampe”, aggiungendo che “tra qualche giorno i leader mondiali si ritroveranno a Roma per parlare di questo”. Secondo Descalzi “il nostro Paese ha giocato e gioca un ruolo forse silenzioso ma molto importante nella creazione di una infrastruttura che permetta all’Europa di avere gas non solo da Nord o da Est, dalla Russia ma anche dal Sud, dal Medio Oriente dall’Africa”.

Affrontando anche il tema dei cambiamenti climatici e della conferenza Onu in corso a Parigi, Descalzi ha espresso la sua preoccupazione, perché “il riscaldamento ambientale riguarda l’umanità” e “non posso non essere preoccupato del fatto che non si riesca a trovare un accordo sulle politiche energetiche”. Per il numero uno di ENI, “un accordo è possibile”, ma è chiaro che “lo sforzo maggiore lo dovremo fare noi Paesi sviluppati, aiutando anche quelli in via di sviluppo a cambiare il loro mix di fonti energetiche”. (francesmorandi, 9 dicembre 2015)

The following two tabs change content below.

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l’agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all’Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Francesca Morandi

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l'agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all'Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce. Contact: Website | More Posts