Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Con Politecnico Milano parte la fase due di Multan Walled City

Multan Politecnico

MULTAN (PAKISTAN) – Parte la fase due di Multan Walled City: e’ stato firmato a Multan, in Pakistan l’accordo per il proseguimento del progetto di restauro dell’antica città del Punjab pakistano. Obiettivo del progetto, portato avanti da Fondazione Politecnico di Milano, e’ di migliorare le condizioni sociali e ambientali della città di Multan attraverso il restauro di antichi edifici storici e di culto. Un progetto che riqualificherà, dal punto di vista urbano e architettonico, una delle più antiche città del mondo.

Multan

Multan

Denominato “Sustainable, Social, Economic and Environmental Revitalization in the Historic Core of Multan City” l’iniziativa prende le mosse dallo studio pilota che ha coinvolto il centro storico della città e lo ha sottoposto a una serie di progetti di riqualificazione e rigenerazione urbana che in questa seconda fase verranno realizzati.

La cerimonia di firma si è svolta alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia in Pakistan, Stefano Pontecorvo,  del Direttore generale della Fondazione Politecnico di Milano, Eugenio Gatti, e del Coordinatore Scientifico del progetto Multan Walled City, Prof. Adalberto Del Bo, docente al Politecnico di Milano.

Multan Politecnico

Il team al lavoro

La rinnovata partnership durerà un anno, come proseguimento del progetto partito nel 2011 e realizzato nel quadro dell’accordo della conversione del debito per lo sviluppo tra Italia e Pakistan. Alla realizzazione del progetto contribuiranno 30 tra professori e ricercatori del Politecnico di Milano, oltre a personale pakistano.

Gli interventi riguarderanno:

  • Il consolidamento statico e il restauro conservativo dell’Haram Gate (storica porta d’ingresso alla città murata di Multan) e la rigenerazione urbana dei luoghi circostanti; il restauro (al momento l’edificio è seriamente danneggiato) riconsegnerebbe alla città uno dei suoi monumenti più importanti e lo renderebbe di nuovo fruibile da parte della popolazione.
  • Il consolidamento statico e il restauro conservativo dell’edificio noto comeMusafir Khana. Si tratta di un edificio molto importante dal punto di vista storico e presente in un’area strategica della città con molti luoghi di culto nelle vicinanze. Il restauro lo riporterebbe al suo antico splendore.
  • La riqualificazione urbana ed edilizia di un tratto del centralissimo e frequentatissimo Sarafa Bazaar. L’obiettivo del restauro sarebbe quello di mantenere l’anima commerciale del luogo cercando di coniugarla con le esigenze di nuove infrastrutture e servizi per i turisti.
  • Numerose attività di capacity building e trasferimento di conoscenze in coordinamento con le locali istituzioni amministrative e accademiche.
Multan

Multan

Il progetto coinvolgerà tre dipartimenti dell’ateneo milanese: Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito (ABC), Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU), Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (DICA).

L’intervento sulla città di Multan permetterà di migliorare la qualità di vita dei suoi abitanti, di dare nuovo slancio al turismo e di mantenere intatto un patrimonio artistico e storico di una città nota per essere tra le più antiche del mondo.

“La firma del contratto è di particolare orgoglio per Fondazione Politecnico perché conferma il buon esito delle attività svolte e la sua capacità di esportare il know-how italiano all’estero”, ha detto Gianantonio Magnani, Presidente della Fondazione Politecnico di Milano. A nome dell’Ambasciata italiana in Pakistan, l’Ambasciatore Pontecorvo ha espresso soddisfazione per il proseguimento del progetto che darà un forte contributo alla rigenerazione sociale e ambientale dell’antica città di Multan:”L’approvazione della seconda fase conferma l’eccellenza italiana nel mondo in campo culturale e il contributo italiano nel rafforzare i legami di collaborazione con la Repubblica del Pakistan”. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts