Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Galletti, a COP21 raggiunto accordo “storico, che salva tutti, anche le piccole isole del Pacifico”

Per il ministro dell'Ambiente è "la prima volta che si fa qualcosa di cui non vedremo gli effetti''

Gian Luca Galletti

ROMA, 14 DICEMBRE 2015 – “Un accordo di tutti e per tutti”, “che salva tutti, anche le piccole isole del Pacifico, le isole Caraibiche e buona parte del globo” e che “segnerà la storia per i prossimi 85 anni. E’ la prima volta che si fa qualcosa di cui non vedremo gli effetti”. Con queste parole il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti commenta l’intesa sul clima raggiunta durante COP21 a Parigi da 195 Paesi.

”L’obiettivo è contenere il riscaldamento globale entro i due gradi, tendenzialmente entro gli 1,5 che sarebbe la temperatura che salva tutti, anche le piccole isole e i Paesi più vulnerabili”, ha sottolineato il ministro, dichiarando che “questo è l’unico negoziato probabilmente nella storia che vede impegnati tanti Paesi con tanta determinazione. E’ come se noi avessimo fatto un Piano strategico-ambientale del Pianeta per i prossimi 85 anni”.

”Certo il sistema delle sanzioni non esiste, ma tutti i Paesi si sono impegnati a presentare le proprie politiche nazionali di riduzione delle emissioni di CO2e si sono impegnati ogni 5 anni a rivederle in maniera più ambiziosa e soprattutto quello che è importante è che ci si è impegnati tutti insieme una volta ogni due anni a vederci e a controllare a che punto siamo”, ha aggiunto Galletti.

A due giorni dall’approvazione della Carta cha ricevuto il via libera alla 21a Conferenza internazionale delle Nazioni Unite, il ministro dell’Ambiente ha evidenziato il “grande contributo” dell’Italia e dell’Europa, “in termini di responsabilità, di esempio e anche di solidarietà verso i paesi”: “Noi abbiamo portato la nostra esperienza italiana, di quello che abbiamo fatto in questi anni, come sottoscrittori dell’unico protocollo sul clima che è stato fatto nella storia, quello di Kyoto”, ha ricordato il ministro, concludendo che “Abbiamo ridotto le emissioni del 20% e sviluppato molto le energie rinnovabili. Abbiamo fatto vedere al mondo non solo che si deve fare, ma che si può fare”.(@annaaserafini)

The following two tabs change content below.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts