Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

UNICEF, per milioni di “Bambini in pericolo” un sms 45594

ROMA, 14 DICEMBRE – Questa mattina a Roma il direttore di UNICEF Italia Paolo Rozera ha presentato la campagna di raccolta fondi “Bambini in pericolo”. “Ogni giorno, in ogni angolo del mondo, milioni di bambini sono in pericolo.  Milioni di giovani vite sono perseguitate, minacciate, malnutrite, sfruttate e derubate dell’infanzia.  Molti vivono in paesi come Nigeria, Sudan, Siria, Eritrea, Iraq e Afghanistan, Paesi segnati da conflitti e povertà estrema”,  ha ricordato Rozera annunciando anche l’evento,  “La partita dei campioni”, che si svolgerà il prossimo 21 dicembre  allo Stadio Olimpico della capitale, al fine di sostenere le attività dell’UNICEF.

Sono allarmanti i numeri dell’emergenza umanitaria planetaria che coinvolge i minori: 232 milioni di bambini vivono in zone coinvolte da conflitti armati e, nel mondo, circa 250.000 bambini e bambine sono costretti a imbracciare un’arma. Da Siria e Iraq al Sud Sudan e alla Repubblica Centrafricana, guerre e conflitti mettono in pericolo milioni di giovani vite con traumi fisici e psicologici, malattie e malnutrizione, violenza e sfruttamento. Il lavoro dell’UNICEF nelle zone di guerra mira a garantire ai bambini alimenti salvavita, acqua potabile, medicine, protezione e sostegno psicologico e speciali programmi di reinserimento e recupero dai traumi per gli ex-bambini soldato. Anche i dati sulla violenza infantile globale sono drammatici: sono 12 milioni le vittime di violenza sessuale, 6 bambini su 10 sono soggetti a maltrattamenti e punizioni fisiche. La malnutrizione colpisce invece 200 milioni di minori, ai quali l’UNICEF fornisce l’80% degli alimenti terapeutici-pediatrici necessari per salvare la loro vita, oltre a vaccini che possano tutelare la loro salute. A gravare su 150 milioni di giovanissimi, tra i 5 e 14 anni, è anche il lavoro minorile che danneggia la crescita psico-fisica dei bambini e li condanna a una vita senza giochi né istruzione.

Nell’ambito della campagna, l’UNICEF organizzerà il prossimo 21 dicembre allo Stadio Olimpico di Roma la “Partita dei campioni-Unici per UNICEF”, un evento nel quale i valori dello sport e della solidarietà si intrecceranno; a dare il calcio d’inizio sarà l’Astronauta dell’ESA/Agenzia Spaziale Europea e Capitano pilota dell’Aeronautica Militare Samantha Cristoforetti, che verrà nominata sul “campo” Goodwill Ambassador dell’UNICEF Italia. In campo la squadra della “Nazionale Attori &Friends” (Associazione Calciatori Attori Italiani) sfiderà la “Nazionale UNICEF & Friends”.
La “Nazionale UNICEF & Friends”, allenata da Lino Banfi e Emiliano Mondonico e capitanata da Damiano Tommasi, è composta, tra gli altri, da: Angelo Peruzzi, Pippo Inzaghi, Andrea Lo Cicero, Marco e Nicholas Del Vecchio, Jimmy Ghione, Andrea Baldini, Francesco Giorgino, Aldo Montano, Antonio Giuliani, Gianluca Di Gennaro, Paolo Conticini, Brice Martinet, Maurizio Aiello, Federico Costantini, Christian Manfredini, Andrea Montovoli, Antonio Catania, Ciro Esposito, Ninni Bruschetta, Pier Paolo De Francesco, Gigi Di Biagio, Stefano Pantano, Mino Abacuccio, Carmine Recano, Rosario Ross.
La “Nazionale Attori &Friends”, allenata da Fernando Orsi e Stefano Colantuono e capitanata da Giorgio Pasotti, è composta, tra gli altri, da: Matteo Garrone, Luca Zingaretti, Cristiana Capotondi, Nino D’Angelo, Giuseppe Zeno, Alessio Boni, Luca Capuano, Raimondo Todaro, Pino e Matteo Insegno, Sebastiano Somma, Kaspar Capparoni, Fabio Fulco, Ninetto Davoli, Enrico Lo Verso, Danilo Brugia, Emanuele Propizio, Edoardo Siravo, Alessio Di Clemente, Raffaello Balzo, Tony Santagata, Antonio Di Natale, Fabrizio Miccoli, Fabrizio Cicchella, Francesco Giuffrida, Massimo Maccarone, Guglielmo Stendardo, Fabrizio Romondini. (OI, 14 dicembre 2015)

The following two tabs change content below.

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l’agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all’Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Francesca Morandi

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l'agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all'Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce. Contact: Website | More Posts