Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Libia: Tripoli e Tobruk firmano intesa per governo unita’

Gentiloni, primo passo ma e' decisivo

La cerimonia della firma dell'accordo di pace in Marocco

SKHIRAT (MAROCCO), 17 DICEMBRE – Svolta storica per la Libia: a Skhirat in Marocco le parti libiche hanno firmato l’accordo per un governo di unita’ nazionale dopo un lungo e complesso negoziato facilitato dalle Nazioni Unite e in cui l’Italia ha avuto un ruolo di primo piano.  “La transizione comincia oggi, il lavoro del Governo di Accordo Nazionale comincia oggi”, ha annunciato l’inviato speciale dell’ONU Martin Kobler.

La cerimonia della firma

Un momento della cerimonia della firma al Mohammed VI Conference Center

 

“Oggi e’ stato fatto un primo passo, ed e’ decisivo”, ha detto il ministro degli esteri paolo gentiloni, nella citta’ marocchina per la firma. L’Italia è pronta a fornire il suo contributo”,  alla Libia e lo stesso vale anche per gli altri Paesi, Ue compresa”, ha detto Gentiloni ringraziando Kobler per gli sforzi fatti.

Gentiloni con il Gen. Serra

Gentiloni con il Gen. Serra

“Il futuro della Libia è nelle vostre mani e contiamo su di voi”, ha detto il ministro alle parti libiche, ricordando loro che all’inizio della settimana a Roma e’ stato firmato un accordo “che non è solo un pezzo di carta”, ma “un impegno solenne per aiutare il popolo libico”.  Tra i contributi dell’Italia c’e’ l’esperienza del generale Paolo Serra, ex comandante UNIFIL nel Libano meridionale: qualche settimana fa Ban Ki moon lo ha nominato consigliere speciale per la sicurezza e la stabilizzazione del paese.

Per Kobler, a quattro anni dalla caduta di Gheddafi, oggi “e’ stata è una giornata storica per la Libia”. Tutte le parti hanno fatto delle concessioni “mettendo l’interesse del Paese davanti a tutto”. Il Rappresentante del Segretario Generale Ban Ki moon non ha nascosto le sfide per il futuro governo di intesa nazionale, innanzitutto l’ISIS: “C’è bisogno di un dialogo nazionale globale per trovare un modo per lottare contro i terroristi”.  E ha ricordato a chi non ha firmato che “le porte sono sempre aperte”. (@Onuitalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts