Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Unifil: Portolano in visita alla linea blu, mentre Italbatt consegna materiale sanitario

049b78c9-6368-45b4-993c-28d2a710e888attivita'%20di%20demarcazione%20della%20blue%20lineMedium[1]LIBANO SUD , 18 dicembre – ”Un ulteriore passo avanti è stato compiuto verso la definitiva stabilizzazione di quell’area”: con queste le parole il capo della missione Unifil nel Libano Sud, Luciano Portolano ha commentato il completamento dei lavori di demarcazione della Blue Line, la linea armistiziale che separa il Libano da Israele. Portolano si è recato in visita all’installazione che a suo avviso ”rappresenta un importante elemento del meccanismo di confidence building, frutto di una costante attività  di mediazione e negoziazione di UNIFIL con entrambe le parti”.

La visualizzazione sul terreno della Blue Line, attraverso il concordato posizionamento dei pilastri Blue Barrels, costituisce lo ”strumento indispensabile per monitorare la cessazione delle ostilità, per prevenire incidenti ed evitare inutili incomprensioni e frizioni”, ha aggiunto il Generale che ha rimarcato come “l’attuazione e l’implementazione della Risoluzione 1701 si realizzi attraverso il pieno rispetto di detta linea, sia da parte libanese sia da parte israeliana”. Lunga circa 120 chilometri, la Blue Line coincide con la linea del ritiro delle truppe israeliane dal Libano del Sud avvenuto nel maggio del 2000. Attualmente essa è materializzata con 237 pilastri a fronte di 528 teoricamente necessari.

13457b77-d694-490b-85c6-7855627135af20151215%20donazione%20italbatt%20alla%20imam%20sadr%20foundation-022Medium[1]In un’altra area del Libano Sud l’unità di manovra del contingente italiano di UNIFIL, attualmente su base Reggimento Nizza Cavalleria di Bellinzago Novarese, ha completato la donazione di materiali  ospedalieri e sanitari alla fondazione Imam Sadr per la successiva distribuzione alle cliniche situate nel sud, considerati gli unici presidi sanitari dell’area.

Il materiale consegnato, tra cui 2 apparati per dialisi, 10 letti da degenza completi di materassi e cuscini ignifughi, 1 montascale per disabili,  4 carrozzelle e  2 montacarichi, permetteranno l’allestimento di due nuove cliniche adibite alla cure delle insufficienze renali nei villaggi del sud, tra i più distanti dalle strutture ospedaliere di Tiro.a5dca730-e701-44cb-bdd1-9672a900d10820151215%20donazione%20italbatt%20alla%20imam%20sadr%20foundation-088Medium[1]

La donazione è stata possibile grazie alla solidarietà e la collaborazione mostrata  dall’Azienda Ospedaliera “Maggiore della Carità”, dal Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio (delegazione Campania-Napoli) e  dalla onlus  Rock No War, organizzazioni che hanno voluto sostenere in maniera attiva le iniziative promosse per il Libano dal Nizza cavalleria come ha  ricordato il Colonnello Massimiliano Quarto, comandante di Italbatt, nel corso della consegna.

(MNT,  18 dicembre 2015)

 

 

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts