Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Afghanistan: Onu vota risoluzione che avverte su “attività terroristiche”

Amb. Cardi: "Manterremo impegno, ma il Paese continui con le riforme"

NEW YORK, 21 DIC – Sullo sfondo di una drammatica escalation di violenza in Afghanistan – sei soldati americani della missione NATO in Afghanistan uccisi e altri tre feriti da un attentatore suicida talebano che con la sua moto si è schiantato contro la pattuglia vicino alla base aerea americana di Bagram; un attacco missilistico su Kabul; l’uccisione di un’ex dipendente afgana-americana dell’esercito USA – il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato all’unanimità una risoluzione cha lancia l’allarme sulle “attività violente e terroristiche in corso”, condotte da gruppi estremisti.

La risoluzione estende le sanzioni contro i talebani di 18 mesi e avverte sul “potenziale di crescita” dello Stato islamico nella regione. La presenza dell’ISIL “non va esagerata né sottovalutata”, ha detto il rappresentante speciale del segretario generale dell’Onu in Afghanistan, Nicholas Haysom, per il quale “la sua risonanza è limitata” e “la minaccia più significativa viene dai talebani”, che sono spinti da questioni interne. Tuttavia, l’evento di oggi è “significativo”, ha ammesso, perché “non vedevamo niente del genere da tanto tempo”.

L’ambasciatore Sebastiano Cardi, rappresentante permanente d’Italia – un Paese che ha un gran numero di truppe in Afghanistan – è intervenuto al Consiglio di Sicurezza sulla situazione nella regione, condannando l’ultima ondata di attentati a Kandahar e Kabul. Cardi ha annunciato che nel 2016 l’Italia manterrà il suo “contributo per addestrare, consigliare e sostenere la missione Resolute Support a guida NATO, per andare avanti con il tentativo di rafforzare le unità delle Forze di sicurezza e di difesa nazionale afgana, che stanno combattendo i gruppi ribelli. L’Italia continuerà a svolgere il suo ruolo di “Framework nation” nella parte occidentale dell’Afghanistan.

“La riconciliazione interna è fondamentale”, ha affermato Cardi, sostenendo che “uno sviluppo autosostenentesi sarà impraticabile senza le necessarie riforme interne”. Pur esprimendo apprezzamento per il programma “Self-Reliance through Mutual Accountability Framework”, che definisce obiettivi e scadenze, ha suggerito che “deve essere seguito da un’efficace attuazione, con risultati misurabili in materia di: governance politica (riforma elettorale); Stato di diritto; lotta alla corruzione; governance economica per creare un contesto più favorevole per le imprese; diritti umani. In questo contesto, la priorità va data alla protezione e alla promozione dei diritti delle donne e  rafforzare il ruolo delle donne in tutti i settori della società”.

Clicca qui per leggere il testo completo della risoluzione e il discorso dell’ambasciatore Cardi. (annaaserafini)

The following two tabs change content below.

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts