Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Libano Sud: Portolano dal Patriarca maronita. Sottosegretario Rossi a Shama

​BEIRUT, 21 dicembre – ”UNIFIL è un messaggio di speranza”. È in queste parole del Patriarca maronita Bechara Boutros al-Rahi il senso dell’incontro con il Generale Luciano Portolano, Capo Missione e Comandante delle Forze ONU nel Libano meridionale, che ha avuto luogo presso la sede patriarcale in Beirut. Al centro del colloquio la complessa crisi politico-istituzionale che non consente di arrivare all’elezione del Presidente della Repubblica e la necessità di un dialogo tra le diverse componenti del Paese, necessario per guidare il Libano fuori dall’impasse politica in cui si trova da oltre un anno e mezzo.

10dd9111-6ba3-4a84-bfb9-6732675984901Medium[1]”Nonostante la situazione nel Libano meridionale continui a rimanere calma e stabile” ha detto il generale ”anche l’area di responsabilità di UNIFIL risente del vacuum presidenziale. Credo che la chiave di volta nel contribuire alla stabilità non solo del sud ma dell’intero Paese da parte di UNIFIL risieda nella stretta cooperazione con le forze armate libanesi ma soprattutto nel lavorare con il popolo libanese e non per esso. Occorre dunque che quanto fatto nel sud si possa replicare in tutto il Paese e che cioè l’intera popolazione libanese cosi come quella del sud sia capace di assumersi la responsabilità del proprio futuro”, ha continuato il Generale Portolano. Da parte sua, il Patriarca ha manifestato pieno apprezzamento per l’operato di UNIFIL, condividendo appieno e facendo proprio il pensiero del generale evidenziando dunque come sia di fondamentale importanza che gli uomini e le donne libanesi prendano coscienza del fatto che la responsabilità di un futuro di pace e stabilità passi per le loro stesse mani.

d2d270e1-6282-44ee-8b7d-22569d8ea04c20151219%20visita%20del%20ssd%20on.%20rossi%20al%20sw-075Medium[1]E proprio alla base Millevoi di Shama, sede del comando del Settore Ovest di UNIFIL, qualche ora prima aveva fatto visita al contingente italiano in Libano il sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi. Ad accoglierlo il generale Portolano e il Comandante del contingente nazionale, Generale di Brigata Franco Federici.

La visita è stata l’occasione per di fare un punto di situazione sull’intera area di operazione di UNIFIL e sul lavoro delle truppe italiane nel sud del Paese. Il sottosegretario Rossi, a margine dell’incontro, ha avuto parole di grande elogio, per l’eccellente lavoro che l’Italia da tempo svolge in Libano, sottolineando che la comunità internazionale ha fortemente voluto una leadership italiana alla guida di questa complessa e quanto mai difficile operazione di peacekeeping. ”La capacità delle forze armate italiane a lavorare nelle diverse missioni è, fuori dalla retorica, il nostro miglior passaporto internazionale, è anche grazie alla vostra professionalità determinazione e propensione al dialogo  – ha concluso Rossi – che l’Italia ha svolto e sta svolgendo un ruolo fondamentale per la stabilizzazione di questo Paese, confermando quell’approccio tutto italiano alle operazioni di pace che tutti ci riconoscono”.

(MNT, 21 dicembre 2015)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts