Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migranti: Ungheria sotto accusa, Consiglio Europa e Onu la bacchettano

BRUXELLES, 23 dicembre – Onu e Europa contro l’Ungheria e la sua politica nei confronti dell’immigrazione. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) il Consiglio d’Europa e l’Ufficio per le istituzioni democratiche ed i diritti umani (Odhr) hanno esortato Budapest ad astenersi da politiche e pratiche che promuovono l’intolleranza, la paura e la xenofobia contro rifugiati e migranti.

Le organizzazioni hanno unito le loro voci per richiedere alla leadership ungherese di adottare un sincero spirito di umanità per aiutare coloro che contro la loro volontà e la loro scelta sono stati costretti ad abbandonare i loro paesi e sono attualmente in cerca di sicurezza in Europa.

 Nel mese di dicembre, il governo ungherese di Viktor Orban ha lanciato una nuova campagna pubblica, nella quale coloro che fuggono da guerre e conflitti vengono ritratti come criminali, invasori e terroristi sulla base delle loro convinzioni religiose e dei loro luoghi di origine. Questa campagna, che non è la prima di questo genere nel paese, si rivolge anche ai migranti e verrà diffusa per due mesi durante il periodo natalizio e fino all’inizio del nuovo anno 2016. Viktor Orban
Sono indimenticabili le immagini che per tutta l’estate e l’autunno hanno turbato l’opinione pubblica mondiale mostrando migliaia di profughi in fuga fermato da muri e fili spinati, o all’arrembaggio di treni per la Germania, sotto ripari di fortuna quando il calo era insopportabile o il freddo e la pioggia senza scampo.  

Le organizzazioni che hanno sottoscritto l’appello sottolineano collettivamente la necessità che il governo ungherese riconosca che i rifugiati arrivano in Europa dopo aver subito traumi, tragedie e gravi perdite nella ricerca di speranza e dignità e per iniziare una nuova vita lontano dagli sconvolgimenti provocati da guerre e conflitti. Come parte del sistema comune europeo, l’Ungheria è chiamata a contribuire agli sforzi congiunti per affrontare la più grande crisi dei rifugiati del continente dalla seconda guerra mondiale e a rispettare i propri impegni giuridici internazionali in questo campo, così come sanciti sia dal diritto internazionale che dalla Convenzione europea dei diritti umani.

(MNT,  23 dicembre  2015)
  

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts