Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Fame, nel 2016 Etiopia paese più a rischio nel mondo

ROMA, 11 gennaio – L’ong Amref segnala un ennesimo allarme che riguarda l’Africa: nel 2016 l’Etiopia potrebbe essere il paese con la più ampia popolazione al mondo con forte insicurezza alimentare.

Secondo il Direttore Generale di Amref, Githinji Gitahi, ”la siccità e la scarsità di cibo in alcune parti dell’Etiopia continuano ad aggravarsi. Amref Health Africa si è messa a lavoro per identificare e affrontare le emergenze sanitarie pubbliche, attraverso la collaborazione con le comunità, le istituzioni e con le organizzazioni partner. L’attenzione di Amref si concentra sulla Regione dell’Afar, una delle zone più colpite, dove sta incrementando attività chiave come:

  • Formazione per operatori sanitari, per i membri delle comunità, e per i manager delle infrastrutture sanitarie per lo screening dei bambini colpiti da denutrizione
  • Supporto logistico per fornire supplementi nutrizionali a bambini a rischio e donne in stato di gravidanza.
  • Formazione agli operatori sanitari sugli interventi di emergenza.
  • Fornire alle comunità strumenti per l’educazione alla salute relativi ai tipi di malattie che diventano predominanti durante i periodi di siccità e di scarsità di cibo, e aiutare le persone ad accedere ai necessari servizi di assistenza sanitaria.
  • Lavorare con le comunità per garantire l’accesso all’acqua pulita attraverso vari mezzi, come i prodotti chimici per il trattamento delle acque e forniture e trasporto di acqua pulita.
  • Promuovere l’importanza delle buone pratiche igieniche e di servizi igienici adatti per prevenire la diffusione delle malattie.
  • Dare sostegno al sistema sanitario per assicurare cure salvavita e per dare continuità all’erogazione dei servizi di trattamento sanitario nonostante l’emergenza (ad esempio le vaccinazioni)

1452247552_ethiopia-image_589x382[1]Attraverso più di un decennio di collaborazione con comunità pastorali e semi pastorali nella Regione dell’Afar, e lavorando insieme ai governi Federale e Regionale, Amref Health Africa ha creato relazioni forti ed efficaci che hanno portato a un miglioramento nella sanità. La fiducia che abbiamo costruito con i leader delle comunità attraverso progetti a lungo termine significa che noi possiamo avere un ruolo vitale per diminuire le conseguenze sanitarie potenzialmente gravi della siccità e della carenza di cibo all’interno di queste comunità vulnerabili. Le implicazioni sanitarie della siccità sono numerose e possono essere di vasta portata, incluso lo stato riguardante la qualità e la quantità dell’acqua potabile che risultano compromesse, l’alimentazione carente e l’aumento dell’incidenza di malattie e di morti. Anche i vantaggi ottenuti nel miglioramento dell’erogazione dei servizi sanitari sono a rischio, dato che le persone si concentrano sulla loro sopravvivenza e su quella del loro bestiame.

Secondo il World Food Programme, nell’Etiopia centrale e orientale fino a 15 milioni di persone ”nel 2016 si troveranno ad affrontare una grave e forte insicurezza alimentare e richiederanno assistenza, facendo dell’Etiopia il paese con la più ampia popolazione con forte insicurezza alimentare del mondo”.

Sarà quindi necessaria assistenza in situazioni di emergenza su larga scala e multi settoriale. Amref Health Africa è preparata a fare tutto ciò che si può per aiutare le comunità a ridurre al minimo e affrontare gli effetti della siccità e della conseguente carenza di cibo, e a salvare vite.

(MNT, 11 gennaio 2016)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts