Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Italia alla presidenza dello HLWG. Grandi, UNHCR: “Difendere asilo”

L'Alto Commissario ONU per i rifugiati ha annunciato il suo primo viaggio in Siria, Yemen, Libia e Iraq

Filippo Grandi

NEW YORK, 12 GENNAIO 2016 – “E’ un imperativo difendere con i tutti i mezzi l’istituto dell’asilo”: il nuovo capo dell’UNHCR, l’italiano Filippo Grandi ha partecipato oggi alla prima riunione dello Humanitarian Liaison Working Group (HLWG), di cui l’Italia ha assunto la presidenza quest’anno.

Lo HLWG è stato creato nel 1999 dal sottosegretario generale per gli Affari umanitari e coordinatore dei soccorsi di emergenza delle Nazioni Unite Kenzo Oshima, e dal 2005, con il sottosegretario generale Jan Egeland, è diventato una piattaforma attiva di coordinamento e diffusione di informazioni tra donatori ed OCHA.

Alle organizzazioni e agli Stati membri partecipanti, l’Alto Commissario ONU per i rifugiati Filippo Grandi ha dichiarato che “la xenofobia è l’antitesi dell’ONU” e che “nel quadro attuale, i paesi donatori sono diventati anche quelli che ricevono i rifugiati”.

“Finanziare le attività dell’UNHCR sta diventando sempre più difficile. Con timori sulla sicurezza, ciò influisce seriamente” sulla gestione delle crisi, ha evidenziato il capo dell’Agenzia, annunciando che il primo viaggio nella sua nuova veste sarà “la prossima settimana nella regione di quattro importanti crisi: Siria, Yemen, Libia e Iraq”.

Il primo incontro HLWG del 2016. E' l'anno della presidenza italiana. Presieduto dall'amb. Sebastiano Cardi. Ha partecipato il capo UNHCR Filippo Grandi

Il primo incontro HLWG del 2016. E’ l’anno della presidenza italiana. Presieduto dall’amb. Sebastiano Cardi. Ha partecipato il capo UNHCR Filippo Grandi

L’incontro, presieduto dal rappresentante permanente d’Italia presso le Nazioni Unite, l’ambasciatore Sebastiano Cardi, è stato l’occasione per Grandi di incontrare, come nuovo Alto Commissario, i rappresentanti permanenti alle Nazioni Unite dei principali Paesi donatori. Ha affrontato la crisi dei rifugiati, in vista della riunione sul ricollocamento, che si terrà all’UNHCR a Ginevra a marzo. Seguirà la conferenza di Londra sulla crisi umanitaria in Siria prevista per febbraio, e precederà il World Humanitarian Summit (WHS) a maggio ad Istanbul e il vertice del 19 settembre sui rifugiati e migranti, voluto da Ban Ki-moon al Palazzo di vetro.

La presidenza dello HLWG ruota ogni anno tra gli Stati membri: l’Italia la assume quest’anno. Le principali priorità dell’Italia per il gruppo per il 2016 sono: il rispetto del diritto internazionale umanitario e la protezione dei civili; partenariato tra aiuto umanitario e sviluppo; migrazione e  rifugiati; riduzione del rischio e la risposta alle catastrofi naturali (il “Post-Sendai”); innovazione nel sistema di assistenza umanitaria (tecnologica, organizzativa e riforme); preparazione del WHS; rapporto tra assistenza umanitaria, peacekeeping e mediazione.

Di seguito, gli Stati membri e le organizzazioni partecipanti:
Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Danimarca, Estonia, EU/ECHO, Francia, Germania, Grecia,  Irlanda, Italia, Giappone, Lussemburgo, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica di Corea, Russia, Ungheria, Spagna, Stati Uniti d’America, Svezia, Svizzera, Turchia, e DSS, FAO, ICRC, IFRC, OIM, OCHA, ISDR, UNDP, UNHCR, UNICEF, UNRWA,WFP, OMS. (@annaaserafini)

The following two tabs change content below.

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts