Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Gentiloni accoglie studenti superstiti strage di Garissa, studieranno in Italia

Nell'attentato degli Shaabab all'Università morirono 147 persone

Il ministro Gentiloni incontra gli studenti di Garissa

ROMA, 13 GENNAIO –  Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha accolto questa mattina all’aeroporto di Fiumicino un gruppo di studenti kenyoti, superstiti della strage all’università di Garissa del due aprile scorso, che studieranno per un periodo di nove mesi all’Università per stranieri di Perugia, grazie a borse di studio della Farnesina. “Di fronte al terrorismo, la risposta culturale è fondamentale”, ha detto il capo della diplomazia italiana salutando gli 11 ragazzi  nella sala del Cerimoniale di Stato dello scalo romano. “E’ un segnale che abbiamo voluto dare subito dopo l’attentato di Garissa in cui il terrorismo uccise 147 persone di come la cooperazione con gli studenti di quella università poteva essere una risposta al terrorismo”, ha aggiunto Gentiloni che pochi giorni dopo l’attacco del 2 aprile, perpetrato dai fondamentalisti somali al Shaabab, si recò in Kenya avviando l’iniziativa per le borse di studio.

Presente anche l’ambasciatore del Kenya in Italia, Josephine Wangari Gaita, che ha ringraziato l’Italia “per aver reso possibile che questi ragazzi continuino i loro studi in un ambiente pacifica”. “Spero un percorso di successo, che si innamorino del nostro Paese e che tornino nel loro Paese a mettere a frutto quello studieranno ia aggounto Gan questo periodo”, ha aggiunto Gentiloni. Gli 11 borsisti –  6 donne e 5 uomini – frequenteranno un corso di lingua italiana da gennaio a settembre 2016, per poter poi seguire le lezioni di un successivo corso di laurea per il 2016-17. Ogni anno il ministero degli Esteri offre più di 500 borse di studio a cittadini stranieri di 100 Paesi. (@francesmorandi, 13 gennaio 2016)

 

The following two tabs change content below.

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l’agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all’Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Francesca Morandi

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l'agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all'Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce. Contact: Website | More Posts