Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Italia e Ue: per Gentiloni polemiche inutili. Piuttosto, attenti ai muri

ROMA, 16 gennaio –   ”L’Europa attraversa una delle fasi più difficili degli ultimi 60 anni. Non ha bisogno di polemiche inutili da Bruxelles. L’Italia non ne fa, ma rispetta le regole dell’Unione e vuole essere rispettata”.

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni è intervenuto sulle critiche del presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker al governo italiano e intervistato dal Corriere della Sera ha sostenuto che sulla flessibilità ”l’Italia usa i margini previsti dalle regole in vigore. Mi sembra non rilevante la polemica su chi l’abbia introdotta. E’ ovvio che operativamente è stata una direttiva della Commissione, ma politicamente fu un’iniziativa della presidenza italiana”.

160104081906[1]Sui rapporti tra Roma e Berlino Gentiloni afferma: ”Noi abbiamo con la Germania una consonanza totale su moltissime materie europee: politica estera, migrazione e altro. E’ vero che abbiamo opinioni diverse sulla politica economica. Se qualcuno descrive questo come una guerra italotedesca, non posso farci nulla”. E a proposito dell’immigrazione: ”l’Italia rivendica continuità di atteggiamento, fa la sua parte, investe molte risorse nel soccorso e nell’accoglienza, sollecita un’iniziativa comune europea sull’immigrazione, a partire dalla modifica delle regole di Dublino e dal diritto d’asilo comune. Il rischio odierno – continua il titolare della Farnesina – è che si sottovaluti l’importanza e l’investimento necessario per questa politica, tornando a scaricare gli oneri prima sui Paesi vicini e infine sui Paesi di primo arrivo. Il pericolo è che a primavera, con la ripresa dei flussi, risorgano le frontiere”. Quanto all’ipotesi di ripristinare i confini, il ministro degli Eteri avverte: ”Non conosco un mercato unico che non comprenda anche la libertà di circolazione delle persone”.

(MNT,  16 gennaio 2016)

 

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts